Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

RIMINI CALCIO FEMMINILE, SOPRA LA PANCA, IL PORCO CAMPA

UN ALLENATORE DI UNA SQUADRA DILETTANTE DI CALCIO FEMMINILE È ACCUSATO DI AVER MOLESTATO UN'ATLETA DI 13 ANNI - LA RAGAZZINA ERA UNA DELLE CALCIATRICI ALLENATE DAL 43ENNE, A CUI È STATO IMPOSTO UN DIVIETO DI AVVICINAMENTO

Estratto da articolo Dagospia/Ansa

Un uomo di 43 anni, allenatore di calcio femminile, squadra dilettanti, è indagato per abusi su un'atleta di 13 anni. L'uomo, secondo le indagini dei carabinieri coordinati dal sostituto procuratore di Rimini, Davide Ercolani, avrebbe abusato dell'atleta nelle occasioni in cui la ospitava a casa. All'allenatore, difeso dall'avvocato Francesco Vasini, è stata notificata l'ordinanza del divieto di avvicinamento emessa dalla gip del Tribunale di Rimini, Raffaella Ceccarelli.

Spiega l'avvocato Vasini - Il mio assistito è stato già interrogato a fine ottobre. Quella del divieto di avvicinamento a meno di 500 metri è stata giudicata una misura sufficiente". La ragazzina, difesa dall'avvocata Tiziana Casali, era una dette atlete della squadra di calcio femminile allenata dal 43enne. È stata sua madre a sporgere denuncia quando la figlia si era confidata con un medico che l'aveva visitata in ospedale. La ragazzina allo specialista aveva raccontato di avere una relazione col "mister".

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 21/11/2023
Tempo esecuzione pagina: 0,08732 secondi