Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

GRAVINA, LUCE E GAS PER I DILETTANTI? E' PEGGIO DELLA PANDEMIA

Il Presidente della FIGC lancia l'allarme per i campi dei Dilettanti e chiede che le Società che gestiscono gli impianti siano inserite nel prossimo provvedimento "aiuti" del Governo.

ESTRATTO ARTICOLO DI DAGOSPIA/CALCIOEFINANZA -  Il numero uno della Federazione parla del sistema calcio, non solo della Serie A, ma anche di tutto il mondo che sta dietro, ovvero più del 90% del milione e 400mila tesserati e delle 12mila società calcistiche presenti nel Paese. Un settore, quello della pratica calcistica nel suo complesso, che ha un impatto socioeconomico stimabile in 4,5 miliardi di euro, e un impatto sul Pil di dieci miliardi di euro l’anno.

Gravina chiede che il governo inserisca l’associazionismo sportivo tra le imprese che beneficeranno delle misure anti-crisi in approvazione nel prossimo cdm in programma dopodomani: «Chiediamo, anzi pretendiamo pari dignità con tutti gli altri settori – dice il presidente federale -. Dalla Serie A alle giovanili. In questi giorni ci siamo mossi, sappiamo che sarà riconosciute alle imprese come credito d’imposta una percentuale delle spese energetiche dei prossimi tre mesi. Ci saremo anche noi nella lista, mi auguro».

E a chi parla di dare soldi al calcio dei ricchi, Gravina risponde: «Se vogliamo continuare a credere a questa favola… Andassero a dirlo alle migliaia di società dilettantistiche, quelle come li tengono aperti i campi con le bollette triplicate? Che fanno, chiedono alle famiglie uno sforzo in più per mandare i figli a giocare? Alle stesse famiglie che non sanno come pagare le proprie di bollette? Qui si sta scherzando con il fuoco, anche questo rischia di diventare un dramma sociale. Il sistema non regge, i costi sono triplicati e queste realtà non hanno altre fonti di ricavi cui attingere per tamponare la situazione».

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 06/09/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,06473 secondi