Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

I grandi anni '90 di Bologna e Parma

Nonostante in quest'epoca il Bologna e il Parma non stiano vivendo la miglior epoca della loro gloriosa storia, le due principali realtà calcistiche emiliane di sempre hanno vissuto, specialmente alla fine degli anni '90, un bellissimo periodo di successi. Per quanto riguarda i felsinei, che adesso militano in Serie A guidati dall'inossidabile Sinisa Mihajlovic, quegli anni sono stati importanti dopo aver certificato un ritorno nella categoria più prestigiosa del calcio italiano dopo un periodo nel quale i rossoblu erano stati anche nell'inferno della Serie C. Dopo un ritorno in A, tuttavia, nella stagione 1997-98 la squadra allora allenata da Renzo Ulivieri poté contare sul talento di Roberto Baggio, per molti il miglior talento italiano della storia. 

Durante quella storica stagione, grazie soprattutto alle prestazioni del numero 10 di Caldogno il Bologna fu capace di ottenere una storica qualificazione nell'allora Coppa UEFA, un torneo nel quale Baggio e compagni riuscirono ad arrivare addirittura in semifinale. Proprio in quel torneo continentale, nel quale i felsinei furono la grande sorpresa e furono eliminati solamente per un goal segnato fuori e su rigore al Dall'Ara da parte dell'Olympique Marsiglia, la loro cavalcata rimase storica, anche perché non poterono contare più sul grande appoggio di un Baggio che era approdato all'Inter, la grande favorita per la prossima stagione di Serie A secondo le principali quote delle scommesse sul calcio online disponibili attualmente. Dal 97 al 99, dunque, il Bologna visse due stagioni splendide sia dal punto di vista dei risultati sia per quanto riguarda il gioco espresso. Dopo Baggio fu Beppe Signori a vestire con grande onore la maglia numero 10 della squadra emiliana, i cui tifosi continuano a ricordare con piacere quelle belle annate nelle quali il bel gioco e l'entusiasmo la facevano da padroni al Dall'Ara. 

Per quanto riguarda il Parma, invece, parliamo della squadra emiliana che più ha trionfato in Europa, come dimostrato dalla conquista di una Coppa delle Coppe, i una Supercoppa europea e soprattutto di due Coppa UEFA, l'ultima delle quali fu alzata al cielo nel 1999 dopo una finale dominata contro il Marsiglia, squadra che aveva eliminato proprio il Bologna in semifinale. Parliamo di un trionfo storico non per il risultato di 3-0 in finale che confermò la grande potenza della squadra ducale, ma anche perché si tratta dell'ultima volta nella quale una squadra italiana riuscì a vincere una Coppa UEFA, che oggi porta il nome di Europa League. Quella compagine, al comando della quale vi era l'eccentrico ma azzardato Alberto Malesani, era composta da una serie di crack dal valore assoluto come Hernan Crespo, Juan Sebastian Veron, Lilian Thuram, Gianluigi Buffon e Fabio Cannavaro, il quale sarebbe diventato poi addirittura Pallone d'oro nel 2006 dopo aver vinto il mondiale di Germania con la nazionale italiana insieme a Buffon. Nella stagione 2004-05 il Parma visse la sua ultima grande stagione europea arrivando in semifinale di UEFA, quando fu appiedata dal CSKA Mosca con un risultato totale di 0-3. 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Emiliagol il 02/07/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,07362 secondi