Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Il ritorno di una leggenda

Ventisei anni dopo il suo debutto con la maglia crociata, Superman torna a casa. La leggenda del calcio italiano Gianluigi Buffon fa un sensazionale ritorno al Parma, il club che aveva dato il via alla brillante carriera del portiere di Carrara. Sebbene verrà ricordato soprattutto per le stagioni ricche di trofei in maglia bianconera e per il suo trasferimento ai campioni francesi del Paris Saint-Germain alla veneranda età di 40 anni, Buffon vanta anche una brillante carriera con il club ducale, con il quale ha esordito a soli 17 anni.

E si era trattato di un esordio tutt'altro che semplice. "Gigi" aveva infatti debuttato nel calcio professionistico contro il Milan, che a quel tempo vantava giocatori come George Weah, Franco Baresi, Roberto Baggio e Paolo Maldini. Buffon non si era fatto intimorire dai talenti avversari e con le sue parate aveva aiutato il Parma a strappare un punto contro gli uomini di Capello, grazie allo 0-0 al Tardini. La sfida di quel giorno, 19 novembre 1995, vedeva di fronte le prime due in classifica. Purtroppo, nel corso della stagione il Parma avrebbe poi perso terreno e concluso il campionato in sesta posizione, davanti alla squadra vincitrice dell'ultimo scudetto, ovvero l'Inter.

Ma quel campionato, e quella gara, rimarranno sicuramente tra gli eventi che hanno lanciato la carriera di Buffon. Il Parma avrebbe infatti concluso quella stagione con la terza miglior difesa del torneo, e molto del merito può essere attribuito alle parate de Buffon. Con un portiere di quel calibro tra le fila gialloblù, i bookmakers avrebbero senza dubbio sostenuto il Parma, e i puntatori sui vari siti scommesse sarebbero stati ricompensati della fiducia riposta nel club emiliano. Forte di una tale sicurezza tra i pali, il Parma era poi riuscito a mettere in bacheca ben due trofei nella stagione 1998/99, una Coppa Italia e una Coppa UEFA.

In particolare, la finale di Coppa Italia fu una sfida davvero intensa, decisa dai gol segnati fuori casa dal Parma durante la gara di ritorno a Firenze finita sul 2-2, dopo che l'andata si era conclusa con un pareggio per 1-1 al Tardini. La squadra ducale aveva davvero iniziato a farsi conoscere in Europa e quella stagione a dir poco incredibile era culminata poi con la vittoria nella finale di Coppa UEFA contro il Marsiglia: Buffon aveva concluso la partita a porta inviolata e il Parma aveva sollevato il trofeo grazie a un secco 3-0 in quel di Mosca. Ma il legame tra Parma e Buffon non era ancora finito. Il terzo e ultimo trofeo vinto al portiere con la maglia crociata è stata la Supercoppa Italiana, sfida che mette di fronte i Campioni d'Italia e la squadra vincitrice della Coppa Italia: in questo caso i gialloblù si erano imposti sul Milan per 2-1.

L'immediato futuro vedrà però il Parma lontano dalla Serie A, dopo la sfortunata retrocessione in B. La speranza di tutti i tifosi crociati è che il ritorno di una leggenda come Buffon possa dare la giusta spinta per contendersi il titolo di Serie B e fare un rapido ritorno nell'Olimpo del calcio italiano.


Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Emiliagol il 29/06/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,10336 secondi