Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

ECCO UN CAPO CON LE IDEE CHIARE, SIBILIA VUOLE SOLDI!

Strano che non abbia parlato del 30% di società che sparirebbero se continuasse la chiusura. Vuole difendere le Società, prenda spunto dalla Lombardia che in pratica difende sia i Dilettanti che i settori giovanili, il resto è la solita manovra politica, che si legge bene nel fatto che Sibilia faccia credere che i soldi arrivati alle società (iscrizioni) li abbia messi tutti la LND. Ma dai su, lo sanno fino i sassi che li ha messi la maggior parte li ha messi lo stato e la LND un attimo dopo ha chiuso i campionati che aveva tenuto in piedi, di rimando in rimando, per due mesi. Chissà perchè!

Nuovo DPCM. Sibilia: “I Dilettanti hanno già fatto grandi sacrifici. Servono aiuti".

“Consentire solo ad una minima parte delle nostre competizioni di proseguire, seppur a livello nazionale, non ci soddisfa - così il numero uno della Lega Nazionale Dilettanti e vicepresidente vicario della FIGC Cosimo Sibilia, prendendo posizione sul nuovo DPCM che consente alla Serie D e agli altri campionati nazionali organizzati dalla LND di andare avanti ma che di fatto ha bloccato tutte le attività regionali e giovanili. “Tuttavia saremo come sempre rispettosi delle disposizioni, ribadendo però la nostra perplessità rispetto a misure che impediscono di fare attività sportiva in maniera organizzata, al contrario di altre situazioni dove i controlli sono minimi o addirittura assenti - prosegue Sibilia - Sono stati annunciati nuovamente degli aiuti alle società sportive: mi auguro che almeno stavolta le parole si traducano in atti concreti. Altrimenti sarà la morte di migliaia di realtà dilettantistiche, con buona pace di chi, come la Lega Dilettanti e le società stesse, ha fatto di tutto per garantire la ripresa dello sport di base dopo il lockdown, mettendo a disposizione ingenti risorse economiche e compiendo ulteriori sacrifici. La misura adesso è colma e qualcuno dovrà prendersi la responsabilità di un disastro annunciato, invece di continuare a lanciare numeri e fare proclami come se il calcio a cui pensare fosse solo quello di vertice”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 26/10/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,06081 secondi