Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

IL CRER METTE A RISCHIO IL CALCIO PER 2/3 CAMPIONATI - FERMATELI!

Alla luce degli ultimi provvedimenti governativi, se questa stagione non dovesse concludersi o nemmeno prendere il via, l'Emilia Romagna si troverebbe obbligata a riproporre lo stesso Format anche nel 2021/22 magari a Covid sconfitto.

 

ByManso - Lo scenario che il CRER si appresta a infliggere al popolo delle Società dell' Emilia Romagna, ha di per se una brutta pagella, poiché chi ha il campo nei piedi, nel cervello e nel sangue, mai e poi mai potrebbe inventarsi un Campionato a 14 squadre con 5 retrocessioni (Eccellenza e Promozione) o con 4 retrocessioni (Prima Categoria), e la domanda che deve essere posta è come mai, i Comitati Regionali più importanti non hanno stravolto i loro Format ed hanno proceduto cercando di ripescare il meno possibile?

Emiliagol le idee sulle motivazioni le ha e quindi le risposte in specifico ve le daremo in un altro articolo che stiamo preparando e che farà di conto a questi Gironi Infernali, ma adesso quello che ci preme, visto come sta “ributtando” la questione Covid in Italia e nel mondo, il mandato che ci siamo prefissi è farvi capire cosa provocherà il Format ideato dal CRER se questa stagione dovesse andare a ramengo.

Ormai, dopo i provvedimenti governativi di ieri sugli assembramenti, in molti han capito che potrebbe essere difficile riprendere l'attività calcistica dei Dilettanti e delle Giovanili, poiché basterà che si “accenda” qualche focolaio, perchè tutto venga chiuso; poi siamo sicuri che i provvedimenti di ieri sera del governo non superino i protocolli regionali e delle federazioni (mascherina obbligatorie anche all'aperto dalle 18 in poi)?

I protocolli emanati il 7 agosto, già sono impraticabili per la maggio parte delle Società, e se la speranza era che venissero resi più praticabili, dopo i provvedimenti di ieri uniti alle proiezioni degli esperti, mettono il nostro Calcio a forte rischio. Questo è un dato di fatto che deve per forza fare da linea guida anche ai Comitati regionali! O no?

Finita la premessa, eccovi il problema:

Il Crer, con il Format a 14 squadre, non ha pensato che se in un modo o nell'altro non si partisse o non si concludesse la stagione, il prossimo campionato (2021/22) a regola di briscola, a regola di tresette, a regola scopone scientifico e a norma di regolamento FIGC, dovrà fotografare quello che dovrebbe partire ora (2020/21).

In pratica, il CRER si appresta a fare ripescaggi a iosa per soddisfare la sete di squadre da inserire nell' attuale Format e quindi se non si concluderà il Campionato, dovrà mantenerlo 'sto maledetto Format, per forza di numeri anche nella Stagione 2021/22.

Mettere nero su bianco nel comunicato i ripescaggi, come si apprestano a fare a Bologna, implica che queste società ripescate, hanno ricevuto un diritto acquisito che del tuttolegittimamente, nulla e nessuno potrà mai togliere loro.

Se gli altri Comitati più importanti (Lombardia, Sicilia, Toscana, Piemonte - Valdaosta, Veneto), hanno previsto Format con Gironi che in linea di massima rispettano la normalità, il motivo di fondo è proprio questo.

Non è difficile pensarla come loro che sicuramente si son detti così: Se c'è il Covid non si gioca e se non c'è il Covid i campionati e il risultati sportivi debbono essere preservati, quindi che senso ha accorciare i campionati e fare una miriade di ripescaggi che poi dobbiamo trascinarci anche per i campionati futuri? Semplice ed intuitivo direi.

Morale della fola, al CRER come in Puglia (ma to che strano, i più filo Sibilia del comprensorio dei Comitati Regionali), stanno apprestandosi a stravolgere il nostro calcio.

Fermarli intanto che si è in tempo, è un dovere imprescindibile da chi è preposto, e i preposti, scusateci, son solo le Società.

I danni non collaterali che si apprestano a “commettere” in Emilia Romagna, potremmo trascinarceli per lungo tempo, che tradotto in Campionati potrebbero essere almeno due o tre!

Vale la pena di rischiare?

No, non vale la pena e nessuno che ragiona con mentalità calcistica, rischierebbe così tanto.

Appunto, questi del CRER ce l'hanno o non ce l'hanno la mentalità calcistica?

Questo lo vedremo prestissimo!

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 17/08/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,05681 secondi