Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

VIRTUS, PIOVE SUL BAGNATO: MULTA DI 500 EURO PER IL CALCIO ALLA PORTA

GIUDICE SPORTIVO - Questo G.s.t. evidenzia come questi comportamenti siano gravemente lesivi di quanto recitato dalle "CARTE FEDERALI" e conseguentemente applicherà, se tali atti si dovessero malauguratamente ripetere, in modo stringente e cogente, tutti quei provvedimenti sanzionatori relativi alla società ed ai loro tesserati, nel rispetto di quanto previsto dal C.G.S.

GARE DEL 3/ 4/2022 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

SOCIETA' AMMENDA Euro 300,00 VIRTUS DIFFIDA

A fine gara, l'arbitro si recava negli spogliatoi ed arrivato all'ingresso del proprio, notava che la porta d'accesso era stata divelta (molto probabilmente con un calcio). Constatato il danno, il direttore di gara si premurava di avvertire dell'accaduto il dirigente accompagnatore ufficiale della società Virtus, sig. Del Pizzo Romano, ed all'addetto al servizio sostitutivo di forza pubblica, sig. Menozzi Marco, ottenendo solo risposte evasive e reticenti. Vista la scarsa collaborazione dei dirigenti sopra indicati, dopo varie insistenze, l'arbitro riusciva a far chiamare il 113 che facevano intervenire una pattuglia composta da due agenti, ai quali denunciava l'accaduto. Il direttore di gara faceva presente agli agenti, che apparentemente nulla mancava fra i propri effetti personali, ma che non poteva essere certo che nel periodo di tempo decorso fra la fine del primo tempo al termine della gara, degli sconosciuti avessero potuto impossessarsi di dati sensibili ad esso appartenenti. Gli agenti, una volta redatto il loro verbale, si allontanavano dalla struttura. Nelle situazioni sopra descritte, risultano particolarmente gravi l'atto violento e vandalico perpetrato alla porta dello spogliatoio del direttore di gara, e la reticenza dei tesserati responsabili nell'individuare e denunciare i colpevoli di quanto accaduto. Tutto quanto fino ad ora descritto, si evince dal supplemento di rapporto redatto dall'arbitro.

Questo G.s.t. evidenzia come questi comportamenti siano gravemente lesivi di quanto recitato dalle "CARTE FEDERALI" e conseguentemente applicherà, se tali atti si dovessero malauguratamente ripetere, in modo stringente e cogente, tutti quei provvedimenti sanzionatori relativi alla società ed ai loro tesserati, nel rispetto di quanto previsto dal C.G.S. (cfr supplemento di rapporto)

Euro 200,00 VIRTUS DIFFIDA

Dopo la notifica dei due provvedimenti di espulsione comminati ai calciatori della società Virtus, numerosi sostenitori della medesima società, iniziavano ad inveire nei confronti del direttore di gara e alla propria consorte, con insulti ed ingiurie, aggrappandosi alla recinzione percuotendola.( pluri recidiva specifica. cfr supplemento di rapporto). 1261 1261

CALCIATORI ESPULSI SQUALIFICA FINO AL 31/ 5/2022

MAESTRI MARCO (VIRTUS) Il calciatore Maestri Marco,Nº10 della società Virtus, espulso per somma di ammonizioni, al momento della notifica del provvedimento, applaudiva ed insultava ironicamente il direttore di gara, ritardando l'uscita dal terreno di gioco, affermando di voler godere degli insulti che il pubblico di casa rivolgeva allo stesso. A fine gara, inoltre, il sig. Maestri Marco, insieme al compagno Rivaldi Bryan, rideva sguaiatamente la porta divelta dello spogliatoio dell'arbitro. (cfr supplemento di rapporto)

RIVALDI BRYAN (VIRTUS) Il calciatore Rivaldi Bryan, Nº1 della società Virtus, espulso per somma di ammonizioni, al momento della notifica del provvedimento, si toglieva violentemente la maglia, urlando ed insultando ripetutamente il direttore di gara con epiteti minacciosi e gravemente offensivi. Lo stesso calciatore inoltre, ritardava l'uscita dal terreno di gioco, affermando che si sarebbe voluto divertire ascoltando gli improperi del pubblico di casa nei suoi riguardi. Al termine della partita il sig. Rivaldi Bryan stazionava davanti la porta divelta dello spogliatoio dell'arbitro, tentando di dare una spallata, che il direttore di gara riusciva ad evitare. (cfr supplemento di rapporto)

 

ByManso - Le minacce del Giudice sportivo non sono di poco conto (applicherà, se tali atti si dovessero malauguratamente ripetere, in modo stringente e cogente, tutti quei provvedimenti sanzionatori relativi alla società ed ai loro tesserati) e non promettono nulla di buono e che si fovrebbero riguardare la squalifica del campo o partite a porte chiuse. 

Ecco cosa aveva scritto Emilagol su questo fatto: 

ALLA FINE DI VIRTUS - FONTACALCIO ARRIVANO ANCORA I CARABINIERI

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Emiliagol il 06/04/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,05340 secondi