Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

ECCELLENZA, FACCIAMO CHIAREZZA MENTRE SFOGLIAMO LA MARGHERITA

Si gioca, non si gioca,si gioca, non si gioca.. tutti dicono che si gioca, ma è proprio così? Emiliagol oltre a fare chiarezza su come stanno ora le cose, ripercorre il percorso della richiesta della LND e si inserisce nelle dichiarazioni di Simone Alberici rilasciate in diretta Facebook

 

BRAIATI SI PIEGA A EMILIAGOL E SPOSTA LA LOCATION PER LE ELEZIONIByManso – Cerchiamo come sempre di fare un po' di chiarezza poiché più si sentono e più si leggono castronerie, più ci rendiamo conto che c'è tanta gente che si lascia influenzare dall'ignoranza di addetti ai lavori ignoranti (mancanza di studio della materia calcistica in quello che riguarda la normativa, anche quella più spicciola).

La vergogna di questo mondo dei Dilettanti, è quella in cui ogni persona che ha la lingua in bocca, dice la sua sapendo bene che poi non pagherà il dazio che di solito si paga in ogni azione che ci accompagna nella vita.

Ieri sera nella diretta Facebook dell' Indipendente Sportivo, il Presidente Simone Alberici ha cercato di porre rimedio a tutte quelle voci che si erano scatenate nel pomeriggio dopo la diffusione del Comunicato Stampa con cui la FIGC dava notizie sull'esito del Consiglio Federale.

Le voci!

Si, quelle voci che da più parti dicevano “la FIGC ha dato il via libera”, “ ora l' Eccellenza è a interesse nazionale”, “si riparte” .. ecc..ecc.

Tutte panzanate che non hanno di che esistere, poiché ci voleva poco a capire che nulla ieri è stato deciso e che nulla, a parte le dichiarazioni di Gravina, era in essere, bastava leggere e capire il Comunicato Stampa della FIGC per averne virtù e certezza.

Il Presidente del CRER ha cercato di fare chiarezza, ma sentendo poi gli addetti ai lavori che hanno continuato la diretta, ci si può ben rendere conto, che le sue parole, seppur molto chiare, son cadute nel vuoto del cervello di persone che più che non capire, forse non volevano capire!

Sul rifiuto mentale delle norme e delle considerazioni che insegnano queste stesse norme ,si potrebbe fare un discorso lunghissimo, ma una cosa è certa e insindacabile: se non studi e se non hai una mente con un po' di sale giuridico, il risultato è che spari cazzate a iosa!

Noi nel nostro piccolo la mente con un tantino di sale giuridico l'abbiamo e lo abbiamo sempre dimostrato, un po' per esperienza, un po' per passione, un po' perché studiamo e ci informiamo sempre e comunque; per questo siamo quasi una bibbia a confronto della mala informazione a cui abbiamo assistito in questo anno di Covid applicato ai Dilettanti.

Ora credo che sia giusto fare il punto della situazione; un punto il nostro, che ieri sera è stato “timbrato e firmato” da Simone Alberici Presidente del CRER e componente del Consiglio Federale della LND!

Eccellenza a interesse Nazionale

(la storia)

LND – La LND chiede alla FIGC di avere il riconoscimento di Campionato ad interesse Nazionale per l' Eccellenza e anche la deroga per ognuno dei Comitati Regionali per i format (partecipazione libera e senza retrocessioni).

FIGC – Recepita la richiesta della LND, la FIGC, in attesa del proprio Consiglio Federale (ieri) ha in via preventiva richiesto al CONI di avvalorare la richiesta stessa. Da notare quel “in via preventiva” che la dice lunga sul fatto che la decisione della FIGC non era ancora stata presa. Tra l'altro, il CONI non ha funzioni decisionale, ma è nella condizione solo di “presa d' atto” di quanto gli viene trasmesso dalle varie Federazioni. Mentre mandava questa informativa al CONI, la FIGC ha anche provveduto ad allungare il mercato invernale e lo ha fatto considerando che se l' Eccellenza fosse ripartita, doveva prolungare il mercato, che proprio in quei giorni era in chiusura.

CONI – La FIGC, come abbiam visto, ha mandato in via preventiva la richiesta/informativa al CONI sul Campionato di Eccellenza di portare ad “interesse Nazionale” il Campionato di Eccellenza e lo ha fatto (la FIGC) solo per abbreviare i tempi in vista di una possibile riapertura del Campionato stesso. Molti (qualcuno lo ha affermato anche ieri sera in diretta Facebook) han fatto di questa presa d'atto del CONI, una delibera che portava l'Eccellenza allo stato di Campionato di interesse Nazionale; e scusate se è poco, nulla è più sbagliato, proprio come ha affermato il Presidente del CRER e come affermavamo noi da quando è uscita la risposta del CONI alla FIGC. E si, toccherà a Gravina e solo a lui, la decisione finale e quindi, è proprio vero che c'è qualcuno che non ha proprio capito un cazzo!

FIGC 2 – Nel consiglio Federale di ieri, la FIGC ha risposto alla LND che è per la ripartenza dell' Eccellenza avvalorando anche “il senza retrocessioni”, e soprattutto il “ libertà di partecipazione delle singole società” , ma nel contempo, ha fatto altre richieste alla stessa LND, richieste che riguardano i Format. Le richieste di Gravina Presidente della FIGC son ben chiare: “ Il Consiglio Federale ha dato delega al presidente federale, d’intesa con i vice presidenti, per assumere le conseguenti decisioni una volta recepite le indicazioni specifiche della LND sui format a valle della riunione del Consiglio Direttivo del prossimo 10 marzo. Il Consiglio ha ribadito che l’obiettivo principale resta sempre la tutela della salute di tutti gli addetti ai lavori”. E poi ha aggiunto: “Valuteremo anche in base al decreto ristori che tipo di intervento possiamo dare alle società di Eccellenza che decideranno di riprendere la loro attività"

In pratica nonostante le dichiarazioni di ripartenza di LND e FIGC, il punto della situazione sembra una palla da tennis che è ributtata di qua e di là dalla rete!

Ora i Comitati regionali per forze di cose, dovranno portare (ancora!!!) al Consiglio Federale della LND, che si terrà il 10 marzo, il risultato delle loro consultazioni nei confronti delle Società, che a loro discrezione vogliono o non vogliono partecipare al Campionato di Eccellenza.

Noi pensiamo che l'operazione fatta la scorsa settimana sempre dai Comitati Regionali, non possa essere più valida e perciò vada rifatta, poiché crediamo che non si possa chiedere ad una società se vuole partecipare al Campionato, senza dirgli di che morte deve morire.

La LND e la FIGC non hanno detto nulla alle Società sulla questione Tamponi (chi li paga, quali saranno e chi li farà?) e quindi, anche i format potrebbero subire delle successive modifiche se le Società che avevano dato la loro adesione, per questi motivi di incertezza, dovessero rinunciare alla partecipazione.

In Umbria, sembra che non ci sia nemmeno una Società disposta a scendere in campo e in Emilia Romagna dovrebbero essere molte le rinunce rispetto a quelle 12 di cui vi avevamo fatto i nomi la scorsa settimana.

Ora l'epilogo lo avremo o lo dovremmo avere il 10 marzo (mercoledì prossimo) con il Consiglio Nazionale della LND, che dovrà rispondere alle domande della FIGC.

Poi visto che è gli è stata conferita la delega dal Consiglio Federale della FIGC, toccherà a Gravina e solo a Gravina prendere l'ultima decisione.

Ma quella dicitura alla fine della presa d'atto della delega che recita: “l’obiettivo principale resta sempre la tutela della salute di tutti gli addetti ai lavori” ha un significato che non pare dettato dalle solite frasi di circostanza che sono molto di moda in tempo di pandemia. Però magari ci sbagliamo.

La situazione italiana è definita da tutti gli studiosi e dallo stesso governo, molto grave e ogni giorno che passa, almeno nel breve periodo, lo diventerà sempre di più.

Da questo, siamo sicuri che il Calcio Dilettantistico voglia andare nella direzione opposta di quanto affermano tutti gli organi preposti alla lotta contro il Coronavirus?

Noi sicuri non lo siamo di niente, ma se la storia insegna qualche cosa, non si può dimenticare la pantomima dello scorso aprile, quando i Dilettanti dopo mille dichiarazioni di ripartenza da parte della LND che oltretutto andavano di brutto contro la volontà delle società, furono chiusi tutti i campionati non appena arrivarono i soldi dal governo.

Andrà ancora così?

Questo non lo possiamo sapere, ma se notiamo che non sono stati ancora chiusi i Campionati di Promozione, Prima, Seconda e Terza, qualche dubbio non può non venire, visto che è proprio in questi giorni che il Governo stanzierà i ristori per il sistema Italia.

Il Campionato di Eccellenza così come se lo stanno inventando, è una forzatura che non meriterebbe nemmeno di essere commentato; e che questo lo pensino proprio tutti è più di una certezza!

Poi, che ci sia un problema grandissimo sul fatto che ci sono persone che di Eccellenza (ma non solo) ci campa, è un dato di fatto importante che non si può ignorare; ma questo è un altro argomento, che se non può essere ignorato da chi ci governa, porta anche al pensiero che questo mondo dei Dilettanti va riformato e soprattutto, va regolato dalle grandi differenze che ci sono campionato per campionato; a partire dalla Serie D per arrivare alla Terza Categoria.

Non farlo adesso, è perdere una opportunità che nel male della pandemia potrebbe essere l'unico fatto positivo e dimostra che c'è gente che pensa solo alla tranquillità della poltrona e delle importanti diarie che queste stesse poltrone generano giorno dopo giorno e anno dopo anno.

Impegnarsi e quindi lavorare per sistemare i Dilettanti?

Ecco, appunto!

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 06/03/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,06874 secondi