Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

BORGO SAN DONNINO : PRESO L'ENFANT PRODIGE ARTURO LUPOLI

L' attaccante cresciuto nel Parma e poi dopo il fallimento passato all' Arsenal, dopo tanto girovagare è stato ingaggiato dalla società di fidenza. Storia di Lupoli che è stato da ragazzo, l'oggetto del desiderio di molte società di Serie A

Arturo Lupoli torna a casa e ricomincia dal Borgo San Donnino. L’ex «enfant prodige» di Casalmaggiore, classe ‘87, che con gli Allievi Nazionali del Parma dei vari Rossi, Dessena e Savi vinse lo scudetto nel 2004 prima di trasferirsi all’Arsenal, chiude il cerchio nella nostra provincia dopo ben 17 anni, in cui ha indossato anche le maglie di Derby County, Fiorentina, Treviso, Norwich, Sheffield United, Ascoli, Grosseto, Varese, Honved, Frosinone, Pisa, Catania, Sudtirol, Fermana, Virtus Verona e, infine, dei marchigiani del Montegiorgio dove lo scorso anno ha debuttato in D realizzando nove gol in venti presenze nel girone F.

Da Goal.com - A soli diciassette anni, quando era insieme a Giuseppe Rossi il gioiello più splendente della ricca collezione del settore giovanile del Parma, si guadagna la chiamata di uno dei club più grandi e importanti al mondo: l’Arsenal.

Accettare vorrebbe dire allontanarsi da casa e da un calcio che già conosce, ma anche avere la possibilità di fare un salto enorme e di crescere al fianco di autentici fuoriclasse come Vieira, Pires, Ljungberg, Bergkamp, Van Persie ed Henry. Volare a Londra vorrebbe in poche parole dire far parte di un gruppo che dall’altra parte della Manica hanno definito degli ‘Invincibili’.

Un’occasione del genere val bene una scommessa e a Lupoli le poche parole di inglese che conosce bastano e avanzano per farsi capire dalla famiglia che lo ospita, per crearsi nuove amicizie e per integrarsi in tempi rapidissimi.

Per lui si prospetta un percorso di crescita nel settore giovanile, ma Arsene Wenger, uno che ha sempre avuto un occhio particolare che l’ha aiutato a scovare e lanciare tanti talenti, lo inserisce subito nel gruppo della prima... continua

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Emiliagol il 26/08/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,06395 secondi