Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Il mercato delle big di Serie A

Una volta terminati gli Europei, in attesa dell’inizio della prossima stagione professionistica, il focus si sposterà dalla Nazionale italiana al calciomercato, croce e delizia di milioni di appassionati di calcio. D’estate, d’altra parte, i tifosi possono sognare colpi impossibili e obiettivi importanti, nella speranza che la stagione della propria squadra del cuore porti i risultati sperati.

Milan, Juventus e Inter, le tre big di Serie A, raccolgono il bacino d’utenza più grande del Paese. E allora cerchiamo di capire meglio come si stanno comportando la Vecchia Signora e le milanesi, tra acquisti, cessioni e desideri più o meno proibiti.

Inter, obiettivo fare cassa

In casa nerazzurra il mantra dettato dalla proprietà è quello di raccogliere un 70-100 di milioni di euro. Parliamo di un attivo di cassa, che deve derivare dalle cessioni e dall’abbassamento del monte ingaggi. Ormai scontato l’addio di Hakimi, che si appresta a diventare un nuovo giocatore del PSG, più difficile liberarsi di altri giocatori considerati esuberi, come ad esempio Joao Mario e Nainggolan. Anche perché da questi potrebbero arrivare ben pochi spiccioli.

Dal punto di vista delle entrate, oltre al rientro dai prestiti di Dimarco e di alcuni giovani che potrebbero restare in rosa, l’Inter ha messo a segno il colpo Calhanoglu, arrivato a parametro zero dai cugini del Milan. Inzaghi avrebbe bisogno di un altro attaccante e non disdegnerebbe un rinforzo sulle fasce: si parla di Dumfries, Lazzari e Bellerin, ma ancora non ci sono offerte concrete sul tavolo.

 

Milan, un mercato difficile

Il Milan sta preparando il ritorno in Champions League con qualche intoppo. Dopo i botti iniziali, a campagna acquisti non ancora ufficialmente cominciata, i tifosi stanno iniziando a mugugnare, perché temono di non vedere i rossoneri sulle app per scommesse calcio già dopo la fase a gironi dell'ex Coppa dei Campioni. Per tutelarsi dall’addio di Donnarumma, i rossoneri hanno acquistato Maignan dal Lille, oltre a riscattare Tomori dal Chelsea. Sono rientrati alla base per fine prestito Diaz, Dalot, Meité e Tonali: lo spagnolo, il portoghese e soprattutto l’italiano potrebbero tornare, ma non basterà per completare la rosa.

A Pioli servono, ad oggi, almeno un paio di terzini, un paio di centrocampisti centrali e soprattutto almeno una punta che possa permettere a Ibrahimovic di non dover giocare 50 partite l’anno. Si parlava di Giroud, ma al momento è tutto fermo. Anche sostituire Calhanoglu non sarà facile: di numeri 10 da Champions ne girano veramente pochi, e quei pochi hanno un cartellino il cui prezzo non è esattamente accessibile.

Juventus, tutto passa da CR7

Il primo colpo la Juventus lo ha fatto in panchina, con il ritorno di Massimiliano Allegri dopo l’addio di due anni fa. Max ha le idee chiare: vuole confermare Cristiano Ronaldo, ridare importanza a Dybala e soprattutto intervenire nel reparto che più di tutti ha deluso quest’anno, il centrocampo bianconero.

Allegri non disdegnerebbe il ritorno di Pogba, che però difficilmente vestirà nuovamente la casacca della Juventus. In alternativa (o insieme?), la Juventus pensa all’ex rossonero Locatelli: il Sassuolo, però, vuole 40 milioni di euro. Anche Pjanic sarebbe un cavallo di ritorno, però molto più abbordabile: il Barcellona sarebbe disposto a liberarsene anche a titolo gratuito, pur di disfarsi del suo stipendio.


Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Emiliagol il 04/08/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,12611 secondi