Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

IL BUON SENSO DEL CRER? CHIEDETE AL SAN ROCCO!

Come per la Casalese, anche per la Società lombarda, il CRER ha deciso che prima di tutto viene il calendario. E il tanto nominato BUON SENSO, richiesto alle società dal CRER non vale quando ad usarlo devono essere loro?

 

ByManso - Come la Casalese, anche il San rocco è Società Lombarda che milita nei campionati Emiliani Romagnoli e quindi ora si ritrova a dover giocare sempre in trasferta senza la possibilità di allenarsi.

Vi rimandiamo all'articolo di SportPiacenza, ma come sempre vogliamo fare una considerazione che secondo noi non è di poco conto.

Fin dalla prima riunione a Bologna ed in ogni intervento pubblico, il CRER ci ha riempito/condito ogni concetto che riguardava un problema, con il “BUON SENSO”.

Braiati lo ha usato anche a sproposito, quando parlava dei protocolli allora a lui sconosciuti. E si, se c'è una responsabilità penale, col cavolo che nella legge c'è scritto che però che fa testo il buon senso. Nelle legge c'è scritto quello che puoi o non puoi fare. Punto!

Buon senso di qui, buon senso di là, ma quando è il CRER che lo deve usare, improvvisamente scompare dall'orizzonte del comportamento.

Il buon senso deve essere usato dalle società per risolvere i problemi del CRER ma non deve essere usato dal CRER quando sono le società ad avere problemi?

"Bhe che vuoi, questi del San Rocco è chiaro che ci marciano e col cazzo che io mi faccio fregare da una legge regionale che magari han fatto fare apposta per rinviare una partita. Dai controlla se hanno degli squalificati che così li staniamo; magari guarda anche se han fatto un'amichevole, si sa mai con questi qui!”

Un discorso surreale o son parole che in certi uffici son la quotidianità?

Io lo so e ve lo dico: il “ci marciano”, è la parola più usata a Bologna, credevate fosse Covid? Sbagliato!

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 22/10/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,06480 secondi