Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

L' amore di un Bomber di razza: Deborah Pavesi Lorenzini

L'ospite di questa settimana è la fidanzata dell’attaccante del San Secondo Pietro Lorenzini. Non c'è due senza tre: sarà un bel maschietto!!

Deborah Pavesi - Non c'è due senza tre!

Anche dopo le feste natalizie, si cercano nuove protagoniste…

Quella di questa settimana è Deborah, fidanzata dell’attaccante Pietro Lorenzini.


Pietro, fortissimo calciatore, già noto in passato per la sua carriera calcistica: nell’annata 2007-2008, è in forza al Parma Calcio in serie A, rimane a giocare in questa squadra anche nell’anno successivo, ma in serie B, a seguito della retrocessione; protagonista poi nel Carpenedolo e nei Crociati Noceto in serie C2.

Ha giocato a livello dilettantistico in altre squadre, ma oggi è la punta del San Secondo in Promozione.

Deborah invece, appassionata già da piccola di moda, lavora in un negozio di abbigliamento come commessa fin dall’età di sedici anni.

Deborah, lascia presto gli studi, voleva fin da ragazza essere indipendente, da sempre appassionata di moda trova un lavoro come commessa nel campo dell’abbigliamento che le permette di vivere da sola; ama il suo lavoro, ma purtroppo questo la tiene impegnata anche nei weekend, non permettendole di seguire le partite di Pietro, tanto che lei stessa dice: “lavorare tutte le domeniche inizia a pesarmi, anche perché essendomi fidanzata con un calciatore, mi impedisce di poterlo seguire”.

Si conoscono questa primavera, nelle vie del centro di Parma, grazie ad amici che avevano in comune, fu subito un colpo di fulmine, ufficializzato durante una gita a Desenzano, avvenuta in seguito: “dal giorno dopo si è praticamente trasferito fisso a casa mia, non abbiamo perso tempo!”, racconta Deborah ridendo.

Proviene da una famiglia non appassionata di calcio, ma lei al contrario era ed è una grande tifosa del Parma che segue fin da bambina, grazie allo zio, che ai tempi lavorava come medico nella società Crociata. Uno zio che la portava sempre allo stadio e ad assistere anche agli allenamenti. L’amore per i “Gialloblu” rimane, anche quando lo zio viene trasferito al Milan.

Sono una grande tifosa, ma non me ne intendo tanto di calcio, tanto che non mi ricordo nemmeno il nome dei calciatori, e nemmeno quello di Pietro quando ai tempi giocava li!”. Lui è tifoso del Bologna, ma nonostante questa preferenza, Deborah lo trascina ai match parmigiani.

Si ritiene molto fortunata ad averlo come fidanzato, perchè è una persona molto solare; questo carattere fa si che anche a seguito di una sconfitta, il suo umore non cambi; lei stessa infatti afferma: “in caso di esito negativo (in questo periodo succede spesso), non me lo fa assolutamente pesare anche se è sicuramente un po’ dispiaciuto; per lui il calcio è vita!”. Deborah aggiunge scherzosamente che non gli converrebbe sfogarsi con lei, perché nel caso lo facesse, ci sarebbe sempre uno stanzino pronto, in cui poterlo rinchiudere!

Questo loro amore è nato da poco, ma allo stesso tempo fa passi da gigante, tanto che i due ragazzi diventeranno presto genitori di un maschietto: la vita nel calcio continuerà?! A mio giudizio credo proprio di sì, lei stessa infatti afferma: “abbiamo già detto che appena inizierà a camminare gli regaleremo le scarpette da calcio e il pallone! Pietro appena ha saputo che era maschio, è mancato poco che svenisse dalla gioia!”, lei confessa che avrebbe preferito una femminuccia, avendo cresciuto due sorelle piccole si sarebbe sentita più pronta, ma è felice ugualmente.

Sul tema nomi, si ritrovano ancora in alto mare, mi confida del gusto “troppo anziano” di Pietro riguardo a ciò, ma poi aggiunge ridendo: “comunque c’è ancora tempo per questa decisione, vedrò di farlo ragionare!”.

Riusciranno i due futuri genitori a trovare un accordo?! Nel frattempo colgo l’occasione per fare loro un grosso in bocca al lupo per una vita lunga e felice insieme.

Martina Rivara.

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Martina Rivara il 28/12/2016
Tempo esecuzione pagina: 0,82858 secondi