Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

MEDESANO, CALCI E PUGNI AL DS, DENUNCIATO DIRIGENTE AVVERSARIO

Il fattaccio è avvenuto al termine della partita di Promozione tra Futura Fornovo Medesano e Felino. La Gazzetta di Parma, come già successo, fa una "cronaca" un tantino fuorviante, quindi, senza voler accusare o difendere nessuno dei contendenti, ci pensiamo noi a dire le cose come son davvero avvenute e poi sta a voi tirare le somme. Quel che è certo è che.....

 

BYMANSO - Medesano – La Gazzetta di Parma (articolo) riporta che i Carabinieri di Medesano nei giorni scorsi hanno denunciato un 60enne fidentino per lesioni personali per una “aggressione” avvenuta a fine partita (Promozione) tra la squadra locale Futura Fornovo Medesano e il Felino.

Ecco come spiega il fattaccio, avvenuto mesi fa, la Gazzetta di Parma: “L’uomo, in qualità di dirigente-accompagnatore di una squadra di calcio, iscritta al campionato di promozione, al termine di una partita sul campo della Futura Fornovo Medesano”, stava rientrando nella zona degli spogliatoi, quando ha incrociato il direttore sportivo della squadra di casa, che lo ha chiamato in disparte. Poi, senza alcun apparente motivo, lo avrebbe colpito ripetutamente con calci e pugni, finché non sono arrivate altre persone a separarli”.

Bene, se si raccontano i fatti, questi stessi fatti vanno spiegati per quello che sono e non schierandosi da una parte. Ma nelle cronache della Gazza da Medesano, ormai abbiamo imparato negli anni (vedi inseguimento all'arbitro con relativo incidente.. articolo scandaloso con tanto di intervista negazionista), che la cronaca è sempre buttata lì per sostenere qualche parte; poi che questa parte penda sempre e solo verso la Società di Medesano, deve essere sicuramente un caso, poiché anche questa volta, scrivendo che l'aggressione è avvenuta “senza alcun apparente motivo” si porta a pensare i lettori che all'aggressore sia scoppiata, come minimo, una vena in testa!

E' no, “senza alcun apparente motivo” proprio non si può dire e non lo si può sentire, perché lo sappiamo davvero tutti, come immagino lo sappiano anche i Carabinieri citati dalla Gazzetta, che il motivo c'era. Non giustificato, ma eccome se c'era!

Il calcio nel sedere e il pugno in faccia dati dall' accompagnatore e ricevuti dal DS erano frutto di una precedente discussione tra il figlio dell' accompagnatore e del DS della Futura Fornovo Medesano; quest'ultimo, prima del calcio d'inizio, in uno scatto, pensiamo d'ira (se provocata o non provocata non lo sappiamo), aveva preso a male parole (eufemismo) proprio il figlio dell'accompagnatore, anche lui dirigente del Felino.

Male parole, riportate dal Figlio dell'aggressore, che più o meno suonavano così: “spero che quel macinino che hai nel cuore smetta di funzionare”.

A Parma sappiamo tutti che il “ragazzo” ora dirigente del Felino anni fa ha avuto un arresto cardiaco mentre giocava e quindi ora vive con quel “macinino” salva vita menzionato dal DS.

Da ciò, davvero non si può scrivere “senza apparente motivo”, poiché il motivo della sofferenza che può provare un genitore quando si vive con quel fardello, lo sa solo chi lo sta provando.

Detto questo però, il comportamento dell' accompagnatore/genitore, non è assolutamente giustificabile, poiché quando si arriva a far “ragionare” le mani o i piedi, giustamente si passa immediatamente dalla parte del torto.

Poi che tutto sia finito in una denuncia, è una scelta che la si può condividere o no, ma che moralmente, entrambi i contendenti ne escano male (altro eufemismo) è un dato di fatto, visto che purtroppo sui campi se ne sentono e se ne vedono davvero di tutti i colori.

E però davvero, la frase del DS supera abbondantemente per distacco tutti i “cancheri” che si sentono appunto sui campi e so per certo che ha stupito più di una persona.

Come andrà a finire? La Gazza ci dice che: “ La vittima dell’aggressione ha riportato lievi lesioni, per cui è stato medicato e giudicato guaribile in 7 giorni e successivamente ha presentato querela. Attraverso le testimonianze raccolte dai Carabinieri, l'aggressore è stato denunciato per lesioni personali e segnalato all’Autorità amministrativa per l’eventuale misura del DASPO alle manifestazioni sportiva che lo potrebbero tenere lontano dai campi di gioco.

Questo è quanto e sicuramente non è tutto, perché gli sviluppi potrebbero anche essere sorprendenti per la questione DASPO.

Bho, staremo a vedere e chi vivrà, “macinino” o non “macinino” permettendo, vedrà!

Ps: e comunque, forse le vere vittime son le due Società, che non si meritano certamente fatti del genere!

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 10/04/2024
Tempo esecuzione pagina: 0,07754 secondi