Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

PLAY OUT, LA CORREGGESE PERDE IN CASA CON IL SANT'ANGELO E SALUTA LA D

CORREGGESE – SANT’ANGELO 1-2

CORREGGESE: Bertozzi, Diaby (33’ st Bassoli M), Davighi, Bassoli S (44’ st Giorcelli), Cavallari (47’ st Pozzabon), Pupeschi, Carta (25’ st Galli), Manuzzi, Iaquinta (25’ st Rizzi), Simoncelli, Carrasco. A disposizione: Tzafestas, Yanken, Galletti, Guglielmetti. Allenatore: Antonio Soda.

SANT’ANGELO: Nucci, Bigolin (4’ st Silla), Confalonieri, Cosentino, Arpini, Caporali, Gomez, Bugno (16’ st Zazzi), Gobbi, Spaviero (27’ st Ekuban), Meloni. A disposizione: Ferrara, Perego, Ngounga, Sia, Pesenti, Cattaneo. Allenatore: Roberto Gatti.

Reti: 37’ pt Pupeschi (C), 4’ pt Bigolin, 45’ st Gomez (S)

Arbitri: Gabriele Todaro della sezione di Lecce (Munitello – Della Mea)

Note: espulsi: l’allenatore della Correggese Antonio Soda a inizio secondo tempo per proteste e Luis Carrasco al 40’ del primo tempo. Ammoniti: Manuzzi, Simoncelli (C), Meloni, Cosentino, Bigolin, Ferrara (S).

CORREGGIO, 14 maggio 2023. Si chiude nel peggiore dei modi la stagione della Correggese, con i biancorossi che perdono in casa il playout contro il Sant’Angelo e salutano la categoria, al termine di una sfida in cui la formazione di mister Antonio Soda ha dovuto giocare per più di un tempo in inferiorità numerica, subendo la rete decisiva proprio al novantesimo minuto.

La Correggese si presenta all’appuntamento dei playout forte di due risultati su tre a propria disposizione per poter mantenere la categoria, ma la partita si mette subito in salita per la formazione biancorossa perché dopo nemmeno 4’ di gioco sul primo calcio d’angolo della sfida il Sant’Angelo si porta in vantaggio con Bigolin che ti testa trafigge Bertozzi. I padroni di casa reagiscono e iniziano a macinare gioco per riacciuffare il risultato e il primo squillo arriva con una conclusione di Simone Bassoli dall’interno dell’area di rigore, con il centrocampista della Correggese che colpisce male il pallone permettendo a Nucci di raccogliere la sfera senza correre rischi. La Correggese continua a macinare gioco e prima dell’intervallo trova il gol del pareggio che fa pendere nuovamente la bilancia dalla parte biancorossa. Sugli sviluppi di un corner Pupeschi arriva all’impatto con il pallone insaccando in rete e facendo esplodere la panchina della Correggese. Pochi minuti dopo poi l’episodio che indirizza la partita. Carrasco penetra in area di rigore in mezzo a due avversari finendo a terra, per il direttore di gara è tutto regolare tra le proteste dei giocatori di casa ed è poi lo stesso arbitro che estrae il cartellino rosso a Carrasco lasciando la Correggese in dieci uomini.

Nella ripresa il Sant’Angelo sfodera in campo tutto il proprio potenziale offensivo alla ricerca della vittoria che le garantirebbe la salvezza, mentre la Correggese si difende con ordine senza però riuscire a rendersi pericolosa in avanti a causa dell’uomo in meno. I biancorossi non riescono a sfruttare bene una possibile ripartenza con Manuzzi e, dopo non aver praticamente subito nulla per tutti i secondi 45’, cadono proprio sul finale. Ancora da calcio d’angolo i lodigiani trovano la rete decisiva con Gomez che trafigge Bertozzi, con gli ultimi assalti della Correggese che non portano a nulla e al triplice fischio del direttore di gara rimane solo tanta disperazione in casa biancorossa.

IL COMMENTO DEL DIRETTORE SPORTIVO

A prendere parola in sala stampa a fine gara è il direttore sportivo Andrea Rossetti: “Mi assumo la responsabilità di questa retrocessione – ha affermato a fine gara – perché al mister e ai giocatori non posso dire nulla. Hanno fatto un ottimo percorso in questi ultimi mesi arrivando a 48 punti, dando sempre il massimo e retrocedere così fa male”. L’inferiorità numerica ha condizionato la partita: “E’ un episodio che ti cambia una gara e una stagione – ha continuato – perché abbiamo giocato in inferiorità numerica tutto il secondo tempo, ma nonostante tutto non abbiamo mai rischiato nulla. Adesso in tutti c’è grande tristezza”. Si può guardare già al futuro: “Guardare a quello che succederà adesso è impossibile – ha concluso Andrea Rossetti – dobbiamo prima sbollire questa delusione e poi lavoreremo per riportare la Correggese dove credo che meriti”.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Emiliagol il 14/05/2023
Tempo esecuzione pagina: 0,07897 secondi