Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI     DIRETTA

LA RIFORMA DEL MINISTRO DELLO SPORT (SE PASSA), FA FUORI ANCHE BRAIATI

Se passa quello che per ora è solo sulla scrivania del Ministro Spadafora (a casa chi ha fatto già due mandati), oltre ai Presidenti delle Federazioni i numeri diventano impressionanti, scendendo nella scala gerarchica fino ai comitati regionali e provinciali, e a fare le valigie sarebbero circa 1.000 dirigenti, che ora si son già messi in movimento per evitare l'ecatombe - Parlando di casa nostra (il CRER), il Presidente Paolo Braiati sarebbe una vittima di questa riforma, poichè alle prossime elezioni (si dovrebbero fare entro la fine dell'anno) sarebbe al terzo mandato. Bho, brutta faccenda se passa, perchè non è così che secondo noi si promuove o si boccia qualcuno. Lo chiamano rinnovamento? Bhe, dai...da rimanere basiti.

DA DAGODPIA - Daniele Dallera per il ''Corriere della Sera''

Il tam tam dello sport trasmette segnali preoccupanti e improntati alla resistenza attiva. Da federazione a federazione fino al Palazzo del Coni si dice, addirittura si urla: Vincenzo Spadafora sta mettendo le mani sullo sport, il ministro intende diventare padrone del settore. Come?

Facendo fuori tutti i capi, a cominciare da Giovanni Malagò, numero 1 del Coni. Piazzando la barriera invalicabile di due mandati per la presidenza del Coni, il suo cammino finirebbe qui. Pensava di candidarsi al terzo governo dello sport italiano, i conti di Spadafora sono diversi.

 Certo fa impressione una manovra che va a colpire l' uomo che ha riportato l' Olimpiade in Italia, se Milano-Cortina 2026 ha battuto Stoccolma-Aare lo si deve al lavoro di Malagò. Nel testo della legge che andrà al voto non in Parlamento ma al Consiglio dei ministri, c' è un elemento letterale che potrebbe salvare Malagò, là dove si parla di «2 mandati ad eccezione dei membri Cio»: Malagò ha anche questo ruolo, prestigioso nel mondo.

Spadafora ha colto di sorpresa un po' tutti, sicuramente anche Malagò, perché la bozza della riforma dello sport fatta girare non faceva cenno ai paletti fissati per le presidenze. Se lo sport ha bisogno di aria fresca e facce nuove, qui Spadafora ha ragione, ci sono dirigenti federali attaccati con la colla alle loro poltrone da una vita, 5-6-7 mandati alle spalle, le riforme però vanno fatte bene, rispettando tempi, storie e successi personali, strategie.

Chimenti, presidente del golf e vicepresidente del Coni, secondo il metodo Spadafora dovrebbe andare in pensione, proprio quando in Italia arriverà la Ryder Cup, uno degli eventi sportivi più prestigiosi al mondo: Chimenti 10 e lode.

Stessa fine farebbe Angelo Binaghi: le Atp Finals non sono finite a Torino per caso, ma per la fatica imprenditoriale e diplomatica di Binaghi a livello internazionale.

Gianni Petrucci, alla guida del basket italiano: un brusco prepensionamento anche per lui, l' uomo che ha presieduto per 14 anni il Coni, coraggioso in certe azioni e posizioni politiche, guarda caso anti Spadafora. L' uomo d' oro dello sport italiano, Paolo Barelli: il nuoto italiano è forte sicuramente grazie a talenti come Pellegrini e Paltrinieri, ma questi campioni, e molti altri, sono cresciuti sotto la presidenza di Barelli. In pericolo la voglia di ricandidarsi di Gravina, numero 1 del calcio, o del suo eventuale rivale, Sibilia, che potrà sì impegnarsi, ma per un solo mandato.

I numeri diventano impressionanti, scendendo nella scala gerarchica fino ai comitati regionali e provinciali: a fare le valigie sarebbero circa 1.000 dirigenti.

In queste ore si susseguono riunioni, incontri, alcuni carbonari, si sprecano naturalmente le telefonate: la reazione dello sport potrebbe essere veemente e portare a un documento unitario che metta in crisi la leadership ministeriale di Spadafora.

Anche la maggioranza di governo è divisa, Pd e Italia viva sono contrari alla impostazione del ministro. È naturalmente una lotta di potere, basta che non ci rimetta lo sport, anche perché la nuova legge contempla aspetti sociali importanti, validi: ma se poi è proprio il ministro a scatenare la guerra, c' è da aspettarsi una reazione del mondo dello sport. Che potrebbe arrivare anche dal Cio, il comitato olimpico internazionale. Attenzione a Tokyo 2021.

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 13/07/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,08812 secondi