Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Il Carpineti resiste per un tempo alla Folgore Rubiera, poi è 4-1

LE DOPPIETTE DI GRECO E HOXHA FIRMANO LA VITTORIA SUL CARPINETI: LARGO SUCCESSO, NONOSTANTE LE DIFFICOLTÀ DEL PRIMO TEMPO. MISTER VACONDIO: “OGGI IL REPARTO DI ATTACCO HA VISSUTO UNA GIORNATA DI GRANDE IMPATTO. LA CERTEZZA MATEMATICA DEL 2° POSTO È A UN PASSO, MA I BRINDISI POSSONO ATTENDERE: L’ERRORE DI DORMIRE SUGLI ALLORI È SEMPRE DIETRO L’ANGOLO”

FOLGORE RUBIERA – CARPINETI 4 – 1
RETI: 43’pt Greco (F), 3’st Barozzi (C), 7’st Hoxha (F), 29’st rig. Greco (F), 43’st Hoxha (F).
FOLGORE RUBIERA: Pè, Maletti, Blotta (dal 33’st Kouadio), Taglia (dal 13’st Bassoli), Addona, Tognetti, Lusoli, Agrillo, Greco (dal 36’st Koridze), Luca Ferrari, Hoxha. A disp.: De Cicco, Castrianni, Amdouni, Dallari. All.: Ivano Vacondio.
CARPINETI: Rizzo, Bonini, Ravanetti, Martino, Orlandini (dal 38’st Rossi), Messori Mercado, Belli (dal 24’st Degola), Leoncelli, Gazzotti, Ferrara, Barozzi (dal 33’st Roffi). A disp.: Casolari, Corciolani, Zaoui, Scalabrini. All.: Pierfrancesco Pivetti.
ARBITRO: Natilla di Molfetta (assistenti Gaddoni di Faenza e Cornago di Bologna).
NOTE: spettatori 200 circa. Ammoniti Agrillo e Greco (F), Orlandini (C). Al 42’st Roffi (C) è uscito per infortunio al ginocchio.
Nella foto: il nostro attaccante Judmir Hoxha.
 
Nuovo successo per la Folgore Rubiera: con la vittoria odierna nel derby contro il Carpineti, la squadra di Vacondio è ormai a un passo dalla certezza matematica di ottenere l’accesso agli spareggi nazionali per la serie D. A dire il vero, la superiorità dei nostri beniamini non è sempre stata così netta come il risultato potrebbe far pensare: onore a un pimpante Carpineti, che nella prima frazione di gioco ha saputo creare ben più di un grattacapo ai padroni di casa. Nella ripresa sono invece stati i rubieresi a destare le impressioni migliori: in particolare, dopo il gol del 2-1 messo a segno da Hoxha, la Folgore ha assunto saldamente le redini della partita mantenendole con brillantezza fino al termine.
Andando con ordine, come detto nella prima frazione di gioco la compagine appenninica si presenta frizzante e propositiva. Il primo sussulto del confronto giocato al “Valeriani” è infatti di marca ospite: al 5′ Bonini serve bene Barozzi, e quest’ultimo lascia partire un imperioso colpo di testa da posizione angolata in area che trova l’attenta opposizione di Pè. Al 9′ la Folgore risponde con Taglia, che pesca col contagiri Sasà Greco: il bomber di casa ci prova da pochi passi, ma Rizzo è davvero molto reattivo nella circostanza. Al 16′ il protagonista è ancora Greco, stavolta servito da Agrillo: Sasà staziona a centroarea e colpisce di testa al volo, ma l’estremo biancoazzurro non incontra problemi nell’intercettare la sfera. Al 21′ Ravanetti pesca Barozzi: il goleador del Carpineti avrebbe buon gioco per colpire da posizione ravvicinata, ma Addona lo anticipa. Al 29′ brividi per i rubieresi con Gazzotti, che colpisce la traversa con un pallonetto da posizione angolata in area: al 42′ i brividi sono invece per la formazione montanara, con Rizzo che risponde prontamente alla punizione dal limite di Greco. Tuttavia, i padroni di casa trovano il vantaggio appena un minuto dopo: nella circostanza Luca Ferrari offre un ottimo assist per Greco, e l’attaccante nativo di Cariati approfitta bene di una svista difensiva biancoazzurra per andare in gol a ridosso della linea di porta.
ferrari per sitoChi pensa a un Carpineti domo si sbaglia, e anche di grosso: al 3′ della ripresa Daniele Barozzi pareggia infatti i conti da posizione ravvicinata, calciando di prima dopo aver raccolto l’ottimo suggerimento di Bonini. La Folgore reagisce: al 4′ il guardiano appenninico neutralizza la velleitaria conclusione dalla distanza di Taglia, mentre poco dopo Hoxha colpisce la traversa con una fiondata centrale da fuori area che trova comunque un Rizzo ben piazzato. Al 7′, arriva il gol che rappresenta il vero e proprio punto di svolta del confronto: Luca Ferrari (nella foto qui a sinistra) serve Judmir Hoxha, e l’attaccante di origine albanese lascia partire una bordata da posizione angolata in area che non lascia scampo a Rizzo. La sfera tocca il palo a destra del portiere, per poi depositarsi in fondo al sacco: il tocco di Greco arriva quando la sfera è già entrata. Al 12′ Lusoli serve Luca Ferrari: quest’ultimo tira da pochi passi, ma Rizzo abbassa la saracinesca. Sulla respinta il pallone giunge a Hoxha, che serve nuovamente Luca Ferrari: a quel punto il numero 10 rubierese cerca ancora la via del gol da posizione ravvicinata, ma il portiere avversario è nuovamente lesto nel dire di no- Al 27′, Lusoli cerca il 3-1 con un tiro centrale da fuori area: stavolta non ci sono grossi problemi per Rizzo. Al 29′ l’estremo carpinetano interviene tuttavia in piena area su Greco, e l’arbitro non incontra alcuna esitazione nell’assegnare il rigore alla Folgore Rubiera: dal dischetto lo stesso Greco si rivela impeccabile. Sfida sempre più in discesa per i nostri beniamini, tant’è vero che al 43′ arriva pure il 4-1: Hoxha va in rete con modalità molto simili a quelle del suo gol precedente, ossia con un diagonale da posizione angolata in area che non concede repliche a Rizzo. Al 49′, Luca Ferrari da centroarea potrebbe arrotondare ulteriormente il punteggio: il portiere è battuto, ma Rossi tocca la sfera che va così a sbattere sul palo prima di uscire.
 
vacondio-dopo-la-partita“Mi aspettavo un confronto complesso – afferma a fine gara il mister della Folgore Ivano Vacondio (nella foto qui a destra) – Il Carpineti si è rivelato tosto e combattivo proprio come mi aspettavo, ed è per questo che durante il 1° tempo abbiamo fatto parecchia fatica. D’altro canto, quando gli avversari hanno iniziato a perdere un po’ di fiato, nella ripresa siamo riusciti a far emergere la nostra superiorità sul piano tecnico: in particolare oggi abbiamo potuto contare su una grandiosa giornata del reparto di attacco, che si è rivelato davvero concreto e spumeggiante. Successo dunque meritato –prosegue il trainer rubierese – in una partita che aveva un pronostico tutt’altro che scritto in partenza: del resto, fin qui spesso avevamo stentato contro le formazioni di medio-bassa classifica. Il secondo posto è ormai acquisito, ma ora dovremo stare attenti a non farci prendere da un’eccessiva rilassatezza: in questa fase della nostra stagione, dormire sugli allori è un vero pericolo da evitare a tutti i costi”. Con Vacondio c’è anche spazio per uno sguardo alla situazione degli infortunati: “Sekyere dovrebbe tornare nel gruppo martedì, e quindi i suoi problemi sono in via di risoluzione. Servirà invece più tempo per quel che riguarda Teggi e Cavazzoli”.
“La Folgore Rubiera è più forte rispetto a noi, e su questo non ci sono dubbi – commenta invece l’allenatore biancoazzurro Pierfrancesco Pivetti Comunque nel complesso non abbiamo sfigurato, disputando un primo tempo ricco di inventiva e coraggio. Se dopo i primi 45′ il risultato fosse stato di parità, credo proprio che non avremmo rubato niente. Purtroppo nella ripresa siamo incappati in alcune disattenzioni difensive, che ci sono costate veramente care: ad ogni modo, anche se il risultato ci punisce in modo evidente, credo che il Carpineti abbia dimostrato una volta di più di meritare il proprio posto in Eccellenza. In bocca al lupo alla Folgore, che di certo ha tutto per puntare alla serie D: d’altro canto – afferma deciso Pivetti – noi continuiamo a inseguire la salvezza con immutata fiducia e determinazione”.
 
 
Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Emiliagol il 19/03/2017
Tempo esecuzione pagina: 0,85744 secondi