Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

A MODENA LA GIUSTIZIA SPORTIVA E' DIVERSA DA BOLOGNA!!

Lo stesso caso (ritiro della squadra), al Montecchio è costato a Bologna il 3-0 a tavolino e un punto di penalizzazione, mentre al G.Nasi a Modena solo la sconfitta a tavolino - Giudici diversi sentenze diverse con stessi articoli! Senza parole o quasi, perchè ESIGIAMO CHIAREZZA!

  Scritto da manso il 13/10/2017
COMUNICATO DI MODENA

GARE DEL 8/10/2017 DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO gara del 8/10/2017 REAL CABASSI - G.NASI

il G.S., letto il rapporto di gara e il relativo supplemento 

OSSERVA

Al minuto 44 del secondo tempo di gioco l'arbitro decideva di sospendere momentaneamente la gara a seguito di una colluttazione insorta fra due calciatori in prossimità delle panchine che coinvolgeva anche i componenti delle panchine stesse. L'arbitro, preso atto della momentanea impossibilità di portare a termine la gara, comunicava ai capitani la propria decisione, invitandoli a ripristinare la situazione di normalità al fine di consentire la regolare conclusione della partita.

Rientrato nel proprio spogliatoio, dopo alcuni minuti l'arbitro veniva raggiunto dai due capitani i quali,rappresentando allo stesso che gli animi si erano sedati, chiedevano la possibilità di riprendere la partita. L'arbitro, verificata la sussistenza delle condizioni per proseguire la gara, dopo circa 5/6 minuti richiamava le squadre in campo per portare a termine l'incontro. In quel momento, veniva avvicinato dall'allenatore della società Gino Nasi, il quale comunicava che non intendeva presentare in campo la propria squadra, in quanto i giocatori si trovavano già sotto la doccia. La regola 5 del regolamento del giuoco del calcio, alla rubrica "l'autorità dell'arbitro - poteri e doveri" prevede che l'arbitro possa interrompere temporaneamente la gara al verificarsi di ogni infrazione alle regole. Appare evidente, nel caso che ci occupa, che l'arbitro abbia correttamente applicato la norma in esame, assumendo la decisione di sospendere momentaneamente l'incontro, stante la sussistenza di una situazione che non consentiva di riprendere il gioco.

Successivamente, valutato il ristabilirsi delle condizioni per proseguire regolarmente l'incontro, altrettanto correttamente richiamava le squadre in campo al fine di portare a termine la gara. Il rifiuto opposto dall'allenatore della società Gino Nasi di ripresentare la squadra in campo, deve ritenersi ingiustificato alla luce della norma regolamentare sopra indicata e dal principio espresso nella citata regola 5 secondo cui ogni gara si disputa sotto il controllo dell'arbitro al quale è conferita l'autorità necessaria per fare osservare le regole del gioco.

Per i motivi esposti, è di tutta evidenza che la società Gino Nasi, rifiutandosi di portare a temine l'incontro, abbia integrato la fattispecie prevista dall'art. 53 NOIF che punisce con la perdita della gara la società che fa rinunciare la propria squadra a proseguire la disputa della stessa. Per i motivi esposti,

il G.S. DELIBERA

di infliggere alla società ASD Gino Nasi la punizione sportiva della perdita della gara per 3-0; di infliggere al sig. Bedini Domenico la squalifica sino al 19-10-2017 per aver impedito la regolare prosecuzione della partita non presentando in campo la propria squadra. 

 

Bymanso - Nulla di diverso da quanto successo in Montecchio-Fontana Audax anche se c'è da rimarcare che in questo caso l'Arbitro sembra aver agito correttamente parlando con i Capitani. Quello ch però fa ribaltare gli occhi è la sentenza del Giudice di Modena, che infligge la sconfitta a tavolino della squadra che si è ritirata, senza applicare il punto di penalizzazione e la multa alla stessa, come aveva fatto il giudice regionale con il Montecchio.

Ora i casi sono due: o a Modena sono diventati una repubblica indipendente staccata dall' Emilia-Romagna, o a Bologna hanno voluto calcare la mano contro il Montecchio per difendere un arbitro che ha tenuto un comportamento non consono alla fischietto che gli è stato dato.

A QUESTO IL CRER E IN PARTICOLARE L'UFFICIO DELLA GIUSTIZIA SPORTIVA DEBBONO DARE UNA RISPOSTA IN FAVORE DELLA TRASPARENZA E SOPRATTUTTO PER DARE UNA LINEA GUIDA A QUESTI GIUDICI CHE SEMBRA CHE DECIDANO PUNIZIONI IMPORTANTI IN BASE A COME GLI GIRA QUEL GIORNO!

SENTENZA MONTECCHIO - FONTANA AUDAX

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 13/10/2017
Tempo esecuzione pagina: 1,28029 secondi