Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

Montebello-Mezzani, sul campo 2-1, a schiaffi 1-1 e a uomini nudi 0-1

E' davvero incredibile quello a cui hanno dovuto assietere gli spettatori alla fine della partita di Seconda Girone B (Parma); e si, gli schiaffi volati tra una mamma e uno zio, oltre al nudo integrale di un giocatore non son poi cose che si vedono tutti i giorni e su tutti i campi!

ByMansospia - Ve la raccontiamo come ce l'ha raccontata chi c' era, e comunque, favola o realtà, voi turatevi tutto quello che potete perché questa non è che potrete rivederla o risentirla ancora su un campo da calcio.

Turato tutto?

Bene incominciamo la storia farseca.

La partita di Seconda Categoria (B) è ai campi Stuard di Parma e le due contendenti, Montebello e Mezzani si giocano una buona fetta di campionato, chi per non retrocedere (Montebello) e chi per accedere ai play off (Mezzani).

Anteposto, luogo e partita, veniamo al fatto.

Un giocatore del Mezzani subentrato si “attacca” con un giocatore in panchina del Montebello e come succede spesso, alla fine della partita, dopo essersene dette un filo e una sporta, tutto si placa. E però mentre il giocatore del Mezzani se ne stava uscendo dal campo, lo zio (sembra proprio che fosse lo zio) del giocatore del Montebello cercava di raggiungerlo attraverso la rete di recinzione (voleva proprio attraversarla!!) per far giustizia delle male parole che il mezzaniano aveva rivolto al suo nipote montebellese.

Alla partita però, stava assistendo anche la madre del giocatore del Mezzani che avvertendo pericolo per il proprio figlio, dopo qualche “scaramuccia” (eufemismo) verbale con lo zio del giocatore del Montebello, ha deciso, visto che questi non retrocedeva dal suo intento di sfar giù la rete, di chiamare i Carabinieri.

A quel punto qualcuno ha riferito della chiamata alla forza pubblica allo zio, e quindi questi ha affrontato a muso duro la mamma e urlando in modo che sentisse tutta la tribuna le fa:”se non taci, ti tappo la bocca con 'sto …. “.

La mamma per nulla intimorita, ma evidentemente molto offesa, a quel punto ha mollato un bel e “sacrosanto” (sigh) schiaffone allo zio, che ha sua volta ha reagito restituendole lo schiaffone.

Una scena degna davvero di nota, vero, ma se pensate che la tribuna abbia assistito solo a questo, vi sbagliate di grosso e vane sarebbero state le parole della nostra premessa (ma voi turatevi tutto quello che potete perché questa non è che potrete rivederla o risentirla ancora su un campo da calcio).

E si, perché mentre avveniva la scena del “uno schiaffo per uno non fa male a nessuno”, il giocatore del Mezzani figlio della signora manesca, è uscito in fretta e furia dagli spogliatoi per andare a difendere la mamma proprio come avrebbe fatto chiunque di noi!

E però tanta è stata la fretta, che si è dimenticato che era nudo come un bego e quindi si è prostrato alla tribuna intera (morose, mamme, papà e bambini)  con i relativi “pendagli” a tuuto vento e ben in vista.

Poi dopo un po' di minacce ed offese, qualcuno deve averlo avvertito che i pendagli penzolavano al vento e in bella (è un modo dire) vista  e quindi è rientrato negli spogliatoi per uscirne di nuovo nudo. Nudo si, ma almeno con le mutande a coprir quei genitali che ormai tutti, ma proprio tutti avevano potuto passare ai raggi X.

Lo zio, poi, è stato portato via da qualchuno che ne aveva a cuore le sorti e quindi la cosa si è spenta, e all'arrivo dei Carabinieri, degli insulti, dell'assalto alla recinzione, degli schiaffi e dell'uomo nudo con pendagli penzolanti, non vi era più traccia alcuna!

Si, tutto finito, e magari tutto di cui sorriderne, se non fosse che ormai 'sta gente che va al campo per mettersi in ridicolo in questa maniera, ha rotto tanto i maroni che davvero meriterebbero il daspo.

Per rispetto alla donna coinvolta non abbiamo voluto fare nomi e cognomi, ma comunque queste son cose che non possono passare in cavalleria, sia che uno vada a cavallo di una rete, sia che un' altra usi le mani come una frustino, sia che ci si presenti nudo davanti a mamme, morose e bambine!

Logicamente, abbiam indagato anche sulle reazioni avute dalla tribuna alla vista del uomo nudo con grillo al vento, e a questa domanda ci han risposto: “second mi a ghera qualchido invidios”

Ahahhahaha....

 

Ps: ops, la partita era a Fognano.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Mansospia il 02/05/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,06498 secondi