Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

4° Memorial Carlo Cavazzini domani Berceto Valtarese Amici Carlo

Carlo, sorbisot du paroli dal manso - Domani Sabato 16 Giugno ore 17,30 partita al Chico Mendez di Berceto tra Vecchie Glorie Berceto e Valtarese e Amici di Carlo, poi chi sopravvive, va a cena a Bergotto.

Bymanso - Circa un anno fa, in un incidente della strada veniva a mancare a noi amici, ma soprattutto ai suoi famigliari, Carlo Cavazzini.

Carlo, è stato per una carriera intera da calciatore, lo stopper del Berceto  per antonomasia. Tutto quello che ci voleva per essere lo "stopper di montagna" lui lo aveva.

La giusta cattiveria, i piedi ignoranti (parole di suo figlio Gianmarco e del manso) e una onesta sportività partigiana che ti fa vincere anche quando magari non lo meriti.

Da allenatore. è stato il mitico "baffo" secondo di Tino Setti, con il quale ha condiviso le sorti, prima del Berceto e poi della Valtarese. Ricordo di averlo conosciuto come invitato nella prima trasmissione di un antico Valtarocalcio, tanti anni fa.

Da quel momento i nostri rapporti son diventati sempre più stretti e l'amicizia si è consolidata con il passare del tempo, tanto che gli inviti reciproci sono stati innumerevoli.

I piedi sotto alla tavola erano lo sport che ci piaceva svolgere con maggior attenzione, anche se per una qualche fetta di salame particolarmente tagliata bene, qualche calcio sotto al tavolo lo tirava ancora.

Anzi, ce lo tiravamo! Però faceva parte del gioco, Come faceva parte dello stesso gioco, il discutere di calcio sul come e sul perchè di quello o di questo.

Tante volte eravamo d'accordo, ma tante altre no. Un discutere tra uomini di calcio, che rafforzava la posizione amicale di entrambi.

Poi nel nostro destino è arrivato quel tragico pomeriggio. Un pomeriggio tragico davvero, che  ha spezzato quel filo che l'amicizia e il fato, legano e slegano a loro piacimento, anche a dispetto della volontà degli attori.

Ok, ora la smetto, perchè la commemorazione non si addice soprattutto a te Carlo, che eri persona sensibile, ma che disdicevi i convenevoli di rito per andare sempre al sodo. Quel sodo che mi fa ricordare che nell'amicizia credevi quanto ci credo io, e per questo ora ti lascio in pace, chera al me testo'!

Così abbiamo presentato la partita nei tre anni precedenti; bene, non è proprio cambiato nulla, e quindi  ho deciso di mantenere la tradizione.

2018 Bymanso - Le parole scritte a caldo son un ricordo da leggere e da rileggere, perchè ti riportano a quel sentimento che il tempo cerca di lenire. Bene, noi non vogliamo lenire !!! 

  

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 15/06/2018
Tempo esecuzione pagina: 2,03654 secondi