Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI COPPE     DIRETTA

UNA CAPARBIA SANMICHELESE VA A VINCERE 3-2 IN CASA DELLA FOLGORE RSF

FOLGORE RUBIERA SAN FAO - SAN MICHELESE 2 - 3

RETI: 6'pt rig. Habib (S), 17'pt Malivojevic (F), 14'st rig. Greco (F), 16'st rig. Casta (S), 17'st Gatti (S).

FOLGORE RUBIERA SAN FAO: Burani, Paglia, Cataldo, Spezzani, Ficarelli, Tognetti, Silipo (39'st Lugli), Sekyere, Greco, Malivojevic, Rizzuto (1'st Dallari). A disp. Cavallini, Chiossi D., Durantini, Giusi, Dosso, Macrì, Boukal. All. Alessandro Semeraro.

SAN MICHELESE: Giaroli, Vacondio, Ferrari L., Lartey, Ristori, Ferrari M., Gatti (39'st Zocchi), Caselli, Habib, Casta, Dago (44'st Rispoli). A disp. Righi, Achchar, Belahna, Pelorosso, Makni, Puglisi, Morchid. All. Enrico Frigieri.

ARBITRO: Balducci di Empoli (assistenti Carrucciu di Parma e Selleri di Bologna).

NOTE: spettatori 250 circa. Ammoniti Spezzani, Ficarelli e Sekyere (F), Vacondio, Caselli e Habib (S). Espulso al 39'pt Paglia (F) per doppia ammonizione.

Anche oggi, la Folgore Rubiera San Fao non è riuscita a infrangere il tabù-Valeriani: parliamo ovviamente della Prima squadra, sconfitta in casa per la seconda domenica consecutiva. Più in generale, quest'anno i biancorossoblù non sono ancora riusciti a piazzare una vittoria di campionato sul terreno rubierese: l'unico successo interno resta infatti quello del 22 settembre contro il Castelvetro, ma in quella occasione la gara si è disputata all' "Argeo Bagnoli" di Villa Bagno.

Parlando più nel dettaglio del confronto odierno, il duello con la San Michelese era valevole per la nona giornata di Eccellenza: a conti fatti un pareggio ci poteva stare, anche se a onor del vero sono stati gli ospiti a destare qualche impressione migliore rispetto ai padroni di casa. I "Draghi" hanno saputo disputare una gara non spettacolare ma comunque concreta, fornendo buoni riscontri sia sul piano della corsa sia per quel che concerne la costruzione della manovra: d'altro canto, la Folgore Rubiera San Fao si è espressa al di sotto degli standard di cui è capace. A onor del vero, va detto che forse l'inferiorità numerica ha in parte penalizzato i nostri beniamini: la compagine di Semeraro ha infatti giocato in 10 contro 11 per oltre metà partita, a causa del discutibile rosso comminato a Mattia Paglia sul finire della prima frazione.

Andando con ordine, già al 6' gli ospiti sbloccano la situazione in proprio favore: nella circostanza Cataldo ferma Gatti in piena area, e l'arbitro non incontra alcuna esitazione nell'indicare il dischetto del rigore. Dagli 11 metri l'ex di turno Giovanni Habib non saglia, consegnando così il vantaggio alla squadra di Enrico Frigieri. Al 14', gran punizione di Casta: Dago manca per un soffio l'aggancio di testa a ridosso della linea di porta, ma la sfera va comunque a stamparsi sul palo a sinistra di Burani. Al 17', la Folgore riequilibra la situazione di punteggio: Silipo scodella un assist di platino per Malivojevic, e quest'ultimo non incontra alcun problema nel realizzare l'1-1 da pochi passi. A seguire, la partita continua su ritmi piuttosto alti: per trovare la successiva occasione da gol bisogna però attendere il 44', quando Burani si oppone con grande maestria mandando in angolo la fiondata che Casta sferra su punizione.

Nella ripresa, rubieresi avanti al minuto numero 14: l'arbitro Balducci di Empoli ravvisa un tocco di mano durante una mischia in area biancoverde, e stavolta il rigore viene concesso alla Folgore Rubiera San Fao. Sul dischetto si presenta Sasà Greco, che gela Giaroli mandando la palla in rete a destra del portiere. Tuttavia, la felicità biancorossoblù è di breve durata: nel giro di pochi minuti, la San Michelese piazza infatti un micidiale uno-due che ribalta completamente le sorti del confronto. Al 16' Cataldo blocca Casta in piena area, e l'arbitro concede un secondo penalty ai Draghi: la conclusione dal dischetto di Casta spedisce il pallone in rete, a destra di Burani. Il guardiano biancorossoblù intuisce la direzione della sfera, ma senza riuscire a impedire il punto del momentaneo pareggio. Al 17', Gatti sigla poi il 2-3 da posizione angolata in area: la sfera è lenta ma decisamente efficace, trotterellando in rete nell'angolino basso a sinistra di Burani. Al 22' la Folgore tenta di reagire con Malivojevic, che approfitta di un maldestro rinvio da parte di Giaroli: il numero 10 di casa lascia partire un pallonetto dalla distanza, che si perde non di molto alto. Al 24', la punizione angolata di Silipo costringe Giaroli agli straordinari: il portiere sassolese ci mette la mano, per deviare la palla appena al di sopra della traversa. Al 26' Caselli sfiora il poker biancoverde con un colpo di testa da centroarea, ma nell'occasione Greco si reinventa difensore e spazza via sulla linea. 

"Se questa partita fosse terminata sul pari, credo proprio che nessuno avrebbe protestato - osserva a fine gara Fabrizio Tagliavini, direttore sportivo della Folgore Rubiera San Fao - D'altro canto, noi potevamo fare davvero meglio: la San Michelese ha saputo incidere di più, specie in fase di contrasto. Inoltre siamo incappati in svariate distrazioni, che hanno propiziato almeno due dei gol avversari: in buona sostanza, questa battuta d'arresto ha ben poco a che vedere con quella rimediata contro il Bibbiano San Polo. Sette giorni fa ci eravamo espressi in modo decisamente migliore: purtroppo l'arbitraggio ci ha messo lo zampino, come abbiamo ampiamente detto e commentato nei giorni scorsi. Stavolta, invece, la direzione di gara c'entra ben poco - rimarca il ds - C'è chi dice che il secondo rigore sassolese probabilmente non ci fosse, ma ciò non sposta il nocciolo della questione: purtroppo abbiamo fornito una prova sottotono. L'unica vera recriminazione che possiamo fare nei confronti dell'arbitro è quella relativa all'espulsione di Paglia: ritengo che il secondo cartellino giallo fosse quantomeno fuori luogo". Al tempo stesso, Tagliavini invita a mantenere fiducia in vista del futuro: "Non è affatto il caso di drammatizzare, anche perchè fin qui il bilancio continua a essere ampiamente positivo. Da martedì l'intera squadra si rimetterà a lavorare con la massima convinzione e fiducia, in vista del duello sul difficile terreno della Virtus Castelfranco".

"Globalmente parlando, credo che si sia trattato di una sfida equilibrata - sottolinea invece Enrico Frigieri, allenatore della San Michelese - Entrambe le squadre sono state capaci di fornire svariati spunti positivi: alla fine gli episodi sono stati determinanti nel fare la differenza, e a quanto pare noi siamo stati in grado di sfruttarli in maniera più puntuale. D'altro canto, devo anche rivolgere sinceri complimenti alla Folgore: si tratta di un'avversaria che ci ha creato parecchi grattacapi, in vari frangenti del confronto. Anche per questo, i tre punti conquistati qui a Rubiera hanno davvero grandissimo valore - rimarca il timoniere dei "Draghi" - Un blitz al "Valeriani" rappresenta un'iniezione di fiducia davvero formidabile: bene i nostri ragazzi, che hanno affrontato questo impegno mettendo in campo anche la personalità che serviva". 

La Folgore Rubiera San Fao resta dunque a 14 punti, e ora staziona al sesto posto in classifica: adesso la San Michelese è invece terza, a quota 16.

RISULTATI E CLASSIFICHE DALLA SERIE D ALLA TERZA

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Emiliagol il 27/10/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,16963 secondi