Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

VIOLENZA NEL CALCIO, PAROLE E PENSIERI DI UN PRESIDENTE DI SOCIETA'

" Ritengo che le cause di tutto questo siano da distribuire tra tutti coloro che appartengono a questo mondo e non solo, chi legifera, chi educa, chi gestisce ed anche chi partecipa come sportivo "

Buonasera Manso,

sono un mediocre presidente di una mediocre squadra di calcio, mi permetto di scrivere questa mail per dare il mio umile punto di vista su quello che sempre stia diventando il calcio dilettantistico.

Credo sia ora di dire basta a tante cose, credo altresì che purtroppo, questo mondo, stia diventando sempre di più lo specchio della nostra società che io ritengo malata. Troppa maleducazione, troppa violenza verbale e non, troppa voglia di apparire, di sfogarsi contro qualcuno, di esasperare tutto all'ennesima potenza.

Ritengo che le cause di tutto questo siano da distribuire tra tutti coloro che appartengono a questo mondo e non solo, chi legifera, chi educa, chi gestisce ed anche chi partecipa come sportivo. Che ci sia, negli ultimi anni, sempre più una caduta verso il basso di quelli che sono i valori reali del nostro mondo, è lampante; personalmente inizio ad esserne stanco.

Non è possibile, ogni domenica andare sui campi e sentire o vedere cose che fanno venire i brividi, questo dovrebbe essere un mondo gioioso, disciplinato, un divertimento ed una scuola di vita, invece io ho sempre più l'impressione che stia diventando una valvola di sfogo per frustrati che "delinquono" o comunque hanno atteggiamenti deplorevoli in nome di cosa?

Di un risultato? Di una disputa? E per arrivare dove? Per combattere chi? Una guerra?

La guerra non l'ho fatta, non l'ho vissuta e spero non mi capiti mai.

Io vado sui campi alla domenica per divertirmi, con la presunzione a volte di trasmettere valori, a ragazzi poco più giovani di me, quali il rispetto, l'ordine, la disciplina e la convivialità sana senza secondi fini.

Questo mondo però ormai non permette più di vivere serenamente.

Quando vedi gente di 50-60 anni sugli spalti che al 10' del primo tempo inizia ad inveire in modo immondo contro un avversario per un fallo, contro un arbitro per una punizione mancata, cominci a farti delle domande, o almeno io me le faccio.

Che cavolo ci faccio qui? Mi metto a litigare con gente che probabilmente ha seri problemi mentali? Sto zitto e faccio la figura del codardo? Non so più cosa fare, forse smettere ed andare all'ikea?

No, non mi sento ancora pronto… Allora voglio provare a cambiarle queste cose, sarò un alieno, caccio giocatori che a mio avviso nuocciono a questo mondo? Sono forti?

Peccato per loro, andranno a fare gol da un altra parte dove li compatiscono; ma io non li compatisco più…

Caccio anche amici o conoscenti dagli spalti che mi tolgono poi il saluto quando li incrocio in paese?

Amen, posso fare a meno del loro saluto…

Ma da soli non si può cambiare il mondo, leggo ora il comunicato regionale, gente che a fine gara prende a pugni gli avversari prende 3 giornate di squalifica??? Ma siamo matti?

Tutte le società devono darsi da fare, devono allontanare atleti, dirigenti, genitori, tifosi che settimanalmente creano scompiglio, devono avere i coglioni di farlo…. 

Perdono uno sponsor, perdono un giocatore valido, perdono un amico? Amen, ma questo mondo se no non cambierà mai.

Fino a che l'obbiettivo di molte società resta solo quello di vincere e non di vivere, non cambierà mai nulla, dai bambini agli adulti…

In molti diranno, tu predichi bene ma razzoli male…

No cari miei, io probabilmente è più probabile che predichi male, ma a razzolare non mi insegna nessuno; l'educazione me l'hanno insegnata e l'ho imparata, in un modo o nell'altro, l'ho imparata ed è la stessa che voglio trasmettere ai miei giocatori ed ai miei dirigenti.

Un appello però mi sento di farlo a chi legifera: qua ragazzi o che prendete in mano il coraggio a due mani, altrimenti possiamo fare su baracca e burattini tutti…

Piantatela con la palla di 10 giornate per un "ne.ro di m..." e fate orecchie da mercante per un "figlio di…" o qualunque altro tipo di insulto grave; piantatela di dare una settimana di squalifica ad un dirigente o allenatore che sbraita come un folle per un'ora, offende, scalcia, sembra un toro imbufalito; piantatela di dare 3 giornate per un atto violento!

Iniziate a dare degli anni a qualunque gesto violento consolidato, mesi e mesi per insulti gravi, squalificate le società recidive anche se perdete i soldi.

Date 150€ di multa a società che hanno 3/4 dirigenti in tribuna che fanno il diavolo a quattro con insulti grida bestemmie provocando spesso e volentieri tafferugli ecc...

Dategliene 2000 - 3000 vedrete che qualcuno poi di stare a casa glielo dice se non imparano da soli…

Un ultima cosa per le società: proteggete i ragazzini, allontanate i genitori "ignoranti" a costo di perdere anche i ragazzi.

Perdete qualche quota? Perdete un annata? Amen, spenderete 2-3mila euro in meno per un giocatore non è la morte di nessuno, ma avrete tutti la coscienza più pulita e maggiore serenità credete a me...

Ps mi sono permesso di mandare una mail anche al ministro Giorgetti molto più breve di questa, dando anche i miei contatti per un eventuale confronto, se mai coloro che muovono le pedine volessero confrontarsi con gente che vive nella vita reale. Questo senza secondi fini, senza interessi di nessun genere se non il migliorare, secondo il mio punto di vista, il calcio dilettantistico

Un piccolo e povero presidente di provincia

Lettera firmata.

 

ByManso - Giuro che questa lettera non è uno scherzo di carnevale, scritta dal Manso e messa in bocca ad un Presidente per renderla più “importante”.

Chi segue Emiliagol, sa che in questo sito la si pensa così, ma trovarsi davanti agli stessi concetti per cui lottiamo da anni, è sempre comunque una sorpresa. La verità in tasca non ce l'ha nessuno, questo è certo, ma se quei nessuno cominciano a diventare, uno, due, tre, quattro, allora potrebbe essere che la verità cominci a riempire le tasche a chi ragiona con una testa ben attaccata al collo!

Caro Presidente, chapeau, ma se preferisci, e so che preferisci, zo al capel!

Ps: se Giorgetti chiama, ricordati che anche Emiliagol risponde!

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da manso il 14/03/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,14919 secondi