Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

PROMOZIONE A, IL RACCONTO DELL' ULTIMA GIORNATA - FILIPPO SANACORE

 

Promozione A – La lotta per evitare i play out si accende.

Nel quindicesimo turno di campionato la capolista Borgo San Donnino dà una prova di forza e cerca la fuga solitaria in classifica. Il primo ostacolo è la forte formazione della Pontenurese, che dà battaglia alla super corazzata costruita e rafforzata dal Presidente Magni: la gara è molto combattuta e si sblocca grazie a D’Urso (61’) che al volo supera Silva per il gol del vantaggio della formazione di mister Voltolini; quindi immediata arriva la risposta piacentina con una magistrale punizione di Bongiorni (64’), che riporta la gara in parità smorzando l’euforia parmigiana. Le squadre cercano di superarsi dando vita ad un match entusiasmante, quindi Burgazzoli (81’) ripaga la fiducia del Presidente incornando in rete un angolo di Billone per il nuovo vantaggio Borgo San Donnino; appena un paio di minuti dopo Delfanti pareggia, ma il guardalinee segnala un millimetrico fuori gioco, che fa tirare il fiato a tutto il pubblico in tribuna. Scampato il pericolo, la squadra di casa si riversa nell’area piacentina trovando così un fallo di mano di Lovattini, che costringe il direttore di gara di assegnare il penalty della cui trasformazione si incarica il bomber Burgazzoli (88’), che manda in visibilio il pubblico di casa che già sogna l’Eccellenza.

La Fidentina in trasferta all’Amoretti di Marzolara doveva riscattare la sconfitta casalinga della settimana prima e lo fa abbastanza bene controllando le sfuriate dei ragazzi di mister Savi, che non impegnano mai la difesa di mister Montanini. Gli attacchi fidentini del primo tempo non producono il vantaggio, che arriva solo dopo che iniziano i cambi, infatti El Hani (66’) appena subentrato sfrutta una verticalizzazione di Ottoni e sotto porta supera in diagonale l’incolpevole Colacicco; il tempo di reagire il Marzolara non lo trovo e quindi è Rizzi che appoggia a Terranova (72’), che al volo impallina nuovamente Colacicco.

Il Bibbiano San Polo tra le mura amiche cercava la vittoria contro la Bobbiese, ma si deve accontentare di un pareggio. La partenza migliore dei ragazzi di mister Piscina non porta al vantaggio, ma bensì a subirlo, quando un rimpallo in area di rigore fa cadere la sfera sul sinistro del giovane Cilloni (26’), che di prima intenzione fa seccò Corbellini da distanza ravvicinata. L’immediata reazione piacentina porta al pareggio di Cavicchia (34’), che supera Rizzo approfittando di una incertezza di Guareschi che non si capisce con il proprio portiere nell’area piccola sugli sviluppi di una calcio di punizione dal limite esterno dell’area. Nella ripresa il Bibbiano attacca e la Bobbiese riparte in contropiede, ma le due squadre non trovano la stoccata decisiva.

La Castellana Fontana continua ad avanzare in classifica superando con molti affanni il coriaceo Luzzara, che perde dopo 10’ minuti di gioco Sessi e costringe così mister Bonini ad arretrare davanti alla difesa Scappi, che alla fine risulterà il migliore in campo. La gara inizia con i piacentini che stringono d’assedio l’area luzzarese, che si difende con ordine ma nonostante l'ordine, subisce la rete di D’Aniello (16’), che indovina con l’aiuto del palo la traiettoria giusta per superare Bonfante. Il Luzzara non ci sta e riparte più volte e nel finale di tempo Parmiggiani sbaglia da due passi la palla del pareggio facendo imbufalire il mister. Nella ripresa Beccaria viene mandato nella mischia anche se era arrivato il giorno prima e l’attaccante si mette in proprio costringendo la difesa piacentina ad arretrare ed ad arrancare all’indietro fin quando lo stesso attaccante, imbeccato da Bonani, si procura il penalty; sul dischetto si presenta Bellini che spara un missile con la palla che coglie la traversa due volte prima di gonfiare la rete; Beccaria e Scappi ci provano da tutte le posizioni ma il vantaggio non arriva grazie alle parate del giovanissimo Castagnetti (2001); di contro in una delle rare sortite della ripresa la squadra ospite buca la difesa luzzarase grazie ad una percussione di Cissè che, agita tutto il reparto ospite che in maniera confusa respinge la sfera, ma sui piedi di Cossetti, che vede D’Aniello (78’) libero davanti alla porta che conclude in rete con Curini che cerca di respingere anche con le mani la sfera che per il guardalinee ha superato la linea di porta con il difensore che protesta scompostamente meritandosi il cartellino rosso; reazione della squadra di casa che ci prova ancora con Castagnetti; nel finale però, si deve arrendere al tris piacentino con Panzetti (93’) che da due passi supera l’incolpevole Bonfante.

Il Gotico Garibaldina mostra la manita alla giovanissima Castelmeletolese, che giunge a Piacenza imbottita di juniores (ben otto) che danno senso al risultato finale. La gara si sblocca immediatamente grazie all’incursione del terzino Messeri Matteo (5’) che conclude sotto porta l’invito di Zanaboni; i ragazzi di mister Maurizio Cremona partiti a razzo decidono di non avere pietà e continuano ad attaccare soprattutto con Zanaboni, che verticalizza per l’inserimento da dietro di Messeri Matteo, che crossa rasoterra per il bomber Matteo Cremona (11’), che da due passi non fallisce il colpo del ko; piccola reazione reggiana ma nonno Achilli è attento. Appena dopo ancora Zanaboni verticalizza stavolta per Oppedisano che rimette in mezzo all’area dove Matteo Cremona (26’) chiude l’incontro. Nella ripresa il Gotico Garibaldina non smette di attaccare e stavolta è Cremona Matteo che di tacco libera davanti al portiere Zanaboni (50’) che fulmina il giovane Ferrari; quindi Messeri Matteo si produce in una nuova ripartenza: appoggia a Volpe che di prima verticalizza con un pregevole lancio per Matteo Cremona (60’), che sul filo del fuori gioco, controlla, entra in area e supera Ferrari in uscita per il gol del 5 a 0.

Il Brescello che non ti aspetti al Sandro Pertini di Langhirano, doveva dare continuità ai risultati, invece non riesce a frenare il nuovo impeto che i nuovi Mister sono riusciti a dare ai loro ragazzi e grazie al rientro di qualche infortunato il mix è diventato micidiale; infatti nelle ultime tre gare altrettante vittorie e l’ultimo posto ora è abbastanza lontano è risulta essere solo un brutto ricordo. La gara si sblocca grazie all’intuizione di Bottarelli che pesca Faelli (40’) a due passi dalla porta che supera di prepotenza il giovane Fabbri (all’esordio). Nella ripresa mister Piccinini ridisegna la propria squadra ed ottiene miglioramenti, che però non producono al pareggio, ma bensì portano al raddoppio degli avversari. Dalla Fiora parte dalla propria area si fa tutto il campo senza che nessuno riesca a fermarlo, quindi crossa perfettamente sui piedi di Bottarelli (75’) che infila l’incolpevole portiere ospite a questo punto i tifosi grigio rossi esultano continuando ad applaudire i propri ragazzi che portano a termine la vittoria senza troppe pene.

Il Carignano in trasferta al Lino Notari di Montecchio non riesce a portare a casa la vittoria facendosi rimontare dai ragazzi di mister Gussoni; la squadra ospite parte a razzo mettendo alle corde la retroguardia reggiana, che viene infilata dal nuovo arrivato Andrea Guida (10’), che non ha dimenticato come si fa gol. Quando la palla danza in area di rigore, è infatti l’attaccante che sfruttando un errore di Gandrabur supera in uscita l’incolpevole Artich. La reazione reggiana giunge nella ripresa, dopo lo scossone subito negli spogliatoi, con Kulluri, che colpisce da due passi sfruttando l’incursione di Storchi, che solo davanti a Dessena calcia a botta sicura, il portiere rimedia ma la mette sui piedi appunto di Kulluri (70’) che non sbaglia. Nel finale è il Carignano a non capitalizzare per un nuovo vantaggio con Delfante: il giovane difensore si fa ipnotizzare dall’esperto portiere di casa.

Il Noceto in casa al centro sportivo “Il Noce” non ha difficoltà a superare la Viarolese; la gara inizia con la paura di entrambe fin quando un evidente fallo commesso da De Girolamo (17’) non viene fischiato, e il giocatore scambia con un compagno entra in area e supera Marcobello in uscita per il gol del vantaggio nocetano; quindi piccola reazione ospite che non porta a nulla. Nel finale di tempo un tackle abbastanza deciso fa cadere a terra un giocatore della Viarolese che attacca senza fermarsi, quindi ripartenza dei ragazzi di mister Cerri (oggi squalificato) con gli ospiti che richiedono di fermarsi, ma giustamente non accade, e Provenzano (43’) che sfodera un sinistro che supera Marcobello per il gol del raddoppio tra le inutili proteste degli ospiti; neanche il tempo di esultare e De Girolamo (44’) colpisce nuovamente un avversario meritandosi il secondo giallo e lasciando i suoi in inferiorità numerica. Nella ripresa la Viarolese attacca ed il Noceto si difende in tutte le maniere possibili subendo solo l’incursione di Badiali che provoca l’autorete di Cabrini (64’), che infila in modo rocambolesco il proprio portiere dopo un liscio di Messineo; il gol del pareggio non arriva ed il Noceto vincendo può uscire dalla zona play out almeno per una domenica.

Infine l’ultimo match di giornata con il Basilicastello che non riesce a superare l’ostacolo Real Val Baganza, che deve ringraziare nonno Pollini. La formazione di casa dopo 4’ di gioco rimane in dieci per il rosso diretto che l’arbitro mostra a Bondanelli per una espressione ingiuriosa. Mister Bizzi rimette a posto la squadra e trova i giusti equilibri con i suoi ragazzi che mettono sotto la retroguardia avversaria più volte, ma le conclusioni sono preda sempre di Pollini, che si dimostra ancora una volta un eccellente estremo difensore. Nel finale un contatto in area Del Real Val Baganza vede coinvolti due giovani: l’arbitro decide per favorire quello ospite, mostrando il cartellino giallo a quello di casa per simulazione tra le proteste del pubblico sugli spalti.

Il sedicesimo turno il campionato prevede: il match clou di “Carignano vs Bibbiano San Polo”, lo scontro salvezza “Bobbiese vs Langhiranese” e le interessanti sfide “Gotico Garibaldina vs Luzzara” e “Castellana Fontana vs Montecchio”.

CLASSIFICA

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Filippo Sanacore il 04/12/2018
Tempo esecuzione pagina: 0,84781 secondi