Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

PROMOZIONE A, IL RACCONTO DELLA DODICESIMA GIORNATA - FILIPPO SANACORE

 

Il Borgo San Donnino tenta la scalata alla vetta

Nella dodicesima giornata di campionato si registra che il Bibbiano San Polo in trasferta al Sandro Pertini di Langhirano “non scende in campo” complice l’assenza di Bedotti relegato in panchina che complica non poco i piani di mister Beretti, che nel turno di Coppa Italia proprio da quel campo era uscito con una squillante vittoria (la Coppa non è il Campionato!). Domenica nella gara di campionato le cose sono andate diversamente e la squadra di mister Magnani ci mette cuore, voglia ma soprattutto fa la partita cercando il gol nel primo tempo e aumentando la pressione nella ripresa, vedasi l’occasionissima buttata via da Stradi che calcia sul fondo; il gol annullato a Bottioni per fuorigioco e poi l'occasione di Dalla Fiora che impatta di testa sul fondo con la porta sguarnita a dimostrazione che non è un centravanti. Quindi uno zero a zero che lascia ai ragazzi langhiranesi la convinzione di poter uscire dal baratro di dov’è tuttora.

Il Borgo San Donnino al Federici di Sala Baganza, ha affrontato il Real Val Baganza con la consapevolezza di essere una squadra con pochissime lacune. All'inizio però, subisce la partenza dei salesi che stringono d’assedio l’area di Spanu che capitola grazie all’incursione di Pellacini (23’), che scatta sul filo del fuorigioco e supera il portiere in uscita. Nemmeno il tempo di esultare per la squadra di casa che arriva immediatamente il gol del pareggio con Billone che crossa in area con D’Urso (24’) che arriva a rimorchio e manda di testa la sfera in rete. Nella ripresa un black out di sei minuti del Real, manda in archivio la gara; si inizia con la discesa di Donati sulla fascia destra che si accentra e conclude con Pollini che respinge sui piedi di Montali (53’), che deve solo spingerla la palla oltre la riga di porta; poi punizione dal limite dell’area esterna di D’Urso (58’), che infila la palla alle spalle dell’esperto Pollini; palla al centro, recupero di Billone, lancio sulla fascia per Donati che cross in area e Montali (59’) impatta in gol; partita chiusa.

Il big match del Ballotta di Fidenza sancisce la vittoria della formazione di casa anche se a partire meglio nella gara è la Castellana Fontana che già al 5’ si trova già in vantaggio: cross di D’Aniello dalla destra e colpo di testa di Zarbano che si insacca alle spalle di Ghiretti. La veemente reazione dei ragazzi di mister Montanini porta al 29’ all’occasione per il pareggio: Mauri atterra Franchi (esordio stagionale) in area di rigore con il direttore di gara che senza esitare indica immediatamente il dischetto; dagli undici metri si presenta lo stesso Franchi che però si fa ipnotizzare dal giovane Castagnetti, che intuisce l’angolo e para tuffandosi sulla propria destra. A questo punto ci pensa il solito specialista delle punizioni a rimettere le cose a posto con un magistrale calcio dal limite di Terranova (35’), bravo a trovare il sette con un sinistro chirurgico che lascia immobile l’incolpevole portiere ospite. Nella ripresa le indicazioni tattiche di mister Costa vanno subito in frantumi e infatti Franchi spizza di testa per Pasaro (47’) che sfrutta un’incertezza di Mauri in copertura e conclude sotto la traversa con una sassata di sinistro; nono goal per il capocannoniere del campionato. Non c’è reazione piacentina e la partita viene ben controllata dai ragazzi di Mister Montanini fino al termine.

Il Brescello tra le mura amiche del Morelli supera in un finale thrilling il Montecchio con un rigore che innesca molte polemiche nel dopo gara. La squadra di mister Piccinini cerca di affondare fin dall’avvio la energica difesa eretta da mister Gussoni è ci riesce con l' angolo di Ferretti per Addae che fa sponda per Opoku che impallina da due passi il rientrante Artich. Nella ripresa il Montecchio decide di reagire e lo fa immediatamente con Storchi che elude la marcatura di Boni crossa in area per l’inserimento sotto porta di Setti (51’) che pareggia. Il Brescello non ci sta e cerca il raddoppio ma ci vuole una magia per riportare la gara di nuova in vantaggio: Picchi (61’) evita due avversari e dal limite calcia un bolide imparabile per l’esperto numero uno montecchiese. Reazione ospite immediata che sfrutta un uscita palla al piede di Benassi (oggi centrale difensivo) che sbaglia l’appoggio e con Storchi che tocca la sfera mettendo Kulluri (64’) solo davanti a Oppici, che viene scavalcato dalla palla mentre tentava un uscita disperata sull’attaccante; nel finale il forcing brescellese produce il lancio di Genova (92’) che indirizza la palla per Gianferrari che affiancato da Molinari “sviene” e con l’arbitro che fischia il rigore dopo aver espulso il difensore montecchiese per veementi proteste; sul dischetto Gozzi (93’) è abile a spiazzare Artich e mandare in visibilio il pubblico di casa.

La Pontenurese in casa contro il Marzolara impatta zero a zero. La gara è stata combattuta per lo più a centrocampo, con pochissime azioni da rete. I due portieri sono stati molto poco impegnati e si registra solo un intervento importante per parte nella ripresa: il primo è per il Marzolara che con Zuelli conclude sul palo con Silva che sembrava battuto e l’altra con Cetti che conclude dal limite sulla traversa con Colacicco che è rimasto di sasso sulla riga di porta.

Il Carignano al Pierino Padovani si sbarazza della formazione reggiana del Castel Meletolese giocando una gara tutta all’attacco. Da prima, il Carignano riesce a sfondare grazie all’incursione di Fiordelmondo che verticalizza per Lauriola che conclude con Ferrari che compie il miracolo respingendo di piede, ma la sfera giunge al solitario Delfante (23’) che arrivava a rimorchio. I ragazzi di mister Delmonte pressano ancora con Volponi che entra in area e prima di concludere viene steso da Tommaso Mendicino; sul dischetto si presenta Lauriola (32’) che infila il gol del raddoppio. Nella ripresa la formazione reggiana rimane nello spogliatoio e soccombe sotto i colpi del Carignano che finalizza il 3 a 0: Lauriola scende sulla fascia sinistra appoggia a Fiordelmondo che di prima mette Volponi (60’) solo davanti a Ferrari e lo supera in uscita; la vittoria poteva essere più rotonda se gli avanti di casa fossero stati più precisi sotto porta.

Il Luzzara esce sconfitto dalla gara di Bobbio anche se ha giocato una gara gagliarda. Nel primo tempo le occasioni non mancano ai reggiani, anche se c'è da dire che la squadra di casa reclama un penalty per atterramento di Murro: l’arbitro invece, ammonisce il difensore piacentino per simulazione. Il vantaggio dei ragazzi di Piscina arriva da una punizione esterna di Karakolev scodellata in area, l’attaccante Scabini (20’) conclude in gol. Nella ripresa la formazione reggiana cerca il pari, ma Corbellini si supera compiendo una parata strepitosa su untiro a colpo sicuro di Curini.

Il Gotico Garibaldina in trasferta al Centro Sportivo Unicef, si mangia le mani per non aver portato a casa la gara contro la Viarolese. La partita è bene in mano ai ragazzi di Maurizio Cremona che spaccano la difesa avversaria con le scorribande sugli esterni e che capitalizzano con Cremona Matteo (29’) che in spaccata supera in uscita Marcobello sfruttando l’assist di Spreafico. Le continue ripartenze piacentine portano al raddoppio con Zanaboni, che verticalizza per Messeri Matteo che entra in area, appoggia a Cremona che stavolta decide di servire davanti alla porta Spreafico (39’) che fulmina l’incolpevole Marcobello. Nella ripresa la Viarolese esce dallo spogliatoio con un altro atteggiamento anche se per riaprire la gara ci vuole un errore madornale di Varesi, che esegue uno stop a seguire in area ma servendo di fatto la sfera a Donati (46’) che la spedisce alle spalle di Achilli. Il Gotico Garibaldina invece di attaccare si abbassa a difesa del gol del vantaggio e così arriva un nuovo errore difensivo: Pizzi alza la sfera contro il braccio largo di Cameletti (appena subentrato), con il giovane difensore che non si accorge di essere appena dentro l’area di rigore e con l’arbitro che non può fare altro che fischiare il penalty che Gualtieri (78’) trasforma spiazzando Achilli per il definitivo 2 a 2.

In ultimo la bellissima quanto inattesa vittoria del Noceto in casa del Basilicastello che permette ai ragazzi di mister Cerri di uscire dalla zona play out. La gara parte in discesa grazie al solito duo Ruffini / Ferri: il fantasista calcia una punizione esterna delle sue, il difensore anticipa di testa Biagini in uscita e Bondanelli gonfia la rete. La squadra di casa cerca di rimettere le cose a posto ma l’attento predisposizione Nocetana non gli permette di impensierire Menta. Allora ci pensa Selloum (47’ pt) a mettere pepe alla gara facendosi espellere per un fallaccio nei confronti di Reverberi. Nella ripresa mister Bizzi cambia qualcosa e mette sotto la squadra ospite e capitalizza con Ferrari (75’) che supera Menta sotto porta sfruttando il preciso cross di Lo Giudice, ma il guardalinee sorprende tutti segnalando un esistente fuori gioco facendo adirare tutto il pubblico di casa. Risultano inutili gli ultimi assalti del Basilicastello alla difesa nocetana, che così porta a casa una importante vittoria.

Nel tredicesimo turno il programma prevede: Bibbiano San Polo vs Pontenurese, Borgo San Donnino vs Brescello, il derby piacentino Gotico Garibaldina vs Castellana Fontana, Marzolara vs Carignano e per la bassa classifica Langhiranese vs Basilicastello e Montecchio vs Viarolese.

CLASSIFICA E RISULTATI

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Filippo Sanacore il 13/11/2018
Tempo esecuzione pagina: 1,00568 secondi