Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

PROMOZIONE A, IL RACCONTO DELL' ULTIMA GIORNATA - FILIPPO SANACORE

 

Promozione A – La Castellana Fontana balza in testa alla classifica anche se in coabitazione con Brescello e Borgo San Donnino.

Nell’ottava giornata di ritorno il vertice della classifica cambia ancora infatti adesso al primo posto si piazza la Castellana Fontana che conquista al Pinetto Soressi di Castel San Giovanni una squillante vittoria grazie alle giocate di bomber Cossetti che non è solo il goleador del campionato ma anche l’assist-men della squadra. La gara che inizialmente si pronosticava difficile si è invece dimostrata una passeggiata dove i ragazzi di mister Costa hanno fatto ciò che volevano della matricola terribile della Pontenurese, che fin ad oggi non era stata mai così surclassata dagli avversari. La cronaca vede Cossetti già in palla in avvio, infatti Fagioli appoggia al compagno che libera al tiro Lucci (10’) che dai 25 metri lascia partire un tiro che supera Figoni, ma non il palo che respinge; quindi la squadra continua ad attaccare e stavolta Cossetti verticalizza in area per D’Aniello (23’) che solo davanti a Figoni lo supera con un preciso diagonale portando il vantaggio la squadra di casa che approfitta di un momento di sbandamento pontenurese infatti è D’Aniello a liberare al tiro Cossetti che al volo dal limite supera un esterrefatto Figoni che non può che raccogliere la sfera in fondo alla rete mentre sugli spalti l’euforia porta in delirio il pubblico numeroso di casa. Nella ripresa la musica non cambia con D’Aniello che è lui a verticalizzare in area per bomber Cossetti (47’) che solo davanti a Figoni non ha difficoltà a scavalcarlo con un pallonetto che sancisce il risultato che diventa ancora più sonante quando Cossetti verticalizza in area per l’inserimento di D’Aniello che solo davanti al portiere lo supera in disperata uscita del il poker Castellana Fontana.

Il Brescello perde la vetta solitaria cogliendo un pareggio nella trasferta con la ormai spacciata Castel Meletolese, che all’Antonio Ristori di Meletole di Castelnovo di Sotto rimonta inaspettatamente la capolista che molto probabilmente aveva in testa la rimonta, che dovranno portare a termine mercoledì prossimo nel turno di coppa per superare l’ostacolo Carignano. La partita comunque è stata subito ben interpretata, infatti Opoku appoggiava per Greco che liberava in area Avanzini, che solo davanti a Ferrari concludeva a colpo sicuro con il portiere che respingeva sventando l’occasionissima; i ragazzi di mister Piccinini stringono d’assedio la difesa ospite e trovano il vantaggio appena dopo, Avanzini verticalizza per Mariniello che al volo libera a centro area Greco che non ha difficoltà a battere in gol l’incolpevole Ferrari; il Brescello non allenta la presa e continua ad attaccare con Boni che crossa Fornaciari respinge di testa e Mariniello che dal limite conclude di contro balzo con Ferrari, che in volo alza in calcio d’angolo evitando il gol del raddoppio; nella ripresa il Brescello si mostra più attendista e la compagine di mister Vinceti crede nel miracolo, che arriva infatti quasi subito, Zinani guadagna la fascia e crossa in area per l’accorrente Attolini (59’), che si inserisce tra i centrali e conclude con Borges che rimedia con un plastico intervento, ma restituendo la sfera all’attaccante, che stavolta non sbaglia gonfiando la rete ; la reazione della capolista è tutta nella giocata personale di Benassi (castelnovese doc) che salta tre avversari come birilli e solo davanti a Ferrari conclude a botta sicura con il giovane portiere che in uscita disperata respinge il tiro salvando il risultato.

Il Borgo San Donnino in trasferta all’Amoretti di Marzolara deve fare poco per regolare l’impalpabile formazione di mister Savi, che capitola appena dopo il via; Billone scodella una palla in area piccola battendo un calcio d’angolo con Giordani (15’) che non ha difficoltà ad impattare in gol superando nel duello aereo capitan Peri; la reazione di casa si concretizza con Pozzi che prima alla mezz’ora impegna Spanu in una difficile respinta in calcio d’angolo, quindi appena dopo viene liberato davanti al portiere al 38’, ma spreca calciando sul fondo; nella ripresa il Marzolara cerca di trovare il gol del pareggio e stavolta è Ghirardi Alessandro (65’) che conclude dal limite con Spanu che non si distrae e respinge in calcio d’angolo; nel finale il Marzolara si butta in avanti scoprendosi è di ciò ne approfitta Burgazzoli (81’) che parte in contropiede e davanti a Colacicco Pierfilippo non ha difficoltà a batterlo tra le proteste del portiere, che in maniera scoordinata si faceva espellere lasciando i suoi in inferiorità numerica ma soprattutto, in questo finale così difficile complicherà i piani di salvezza diretta di mister Savi.

Il Bibbiano San Polo è appena attardato poiché dal Lino Notari di Montecchio non ha saputo resistere agli assalti dei ragazzi di mister Gussoni, che hanno raggiunto il pareggio e una posizione di classifica più tranquilla, anche se ancora non in maniera definitiva. La gara vede le due formazioni cercare di superarsi con le difese che frenano le scorribande avversarie; da segnalare comunque una punizione dal limite dell’area di Rispoli (27’) che si stampa sul palo a Rizzo battuto; nella ripresa è Cilloni (53’) a sbloccare la gara, l’attaccante riceve da Ametta e si libera di un avversario e dal limite scarica in porta un missile che si infila all’incrocio dei pali per l’eurogol che porta in vantaggio la formazione matildica; la reazione della squadra di casa è immediata con Lacerra che verticalizza per Bedogni (61’), che elude il fuori gioco e si presenta solo davanti a Rizzo e lo infila in uscita per il gol del pareggio; raggiunto nuovamente il risultato di parità le squadre si accontentano del punto che fa raggiungere comunque gli obbiettivi di entrambe.

La Fidentina al Ballotta supera con molte difficoltà la resistenza della Bobbiese, con un gol nel finale di gara; la partita è stata avvincente e combattuta da entrambe le parti senza il predominio di una sull’altra, ma ha divertito il pubblico presente sugli spalti; quindi un lampo ha aperto le marcature grazie a Petrelli che ha verticalizzato per Bruschi che ha appoggiato in area per l’inserimento di Rampini (83’) che ha conclude a botta sicura per il gol del vantaggio; immediata reazione ospite con Casiraghi che scodellava in area la palla che Nani impatta di testa con Ghiretti che in volo evitava il gol del pareggio respingendo in calcio d’angolo.

Il Gotico Garibaldina al Gianni Levoni di Piacenza si fa rimontare dal giovanissimo Basilicastello in piena zona cesarini. La gara si sblocca grazie ad un errore difensivo di Fava Riccardo che lascia la posizione cercando un improbabile anticipo su Oppedisano che libera Spreafico solo davanti a Biagini che rimedia respingendo il tiro a botta sicura ma sui piedi di Cremona Matteo (17’) che non può sbagliare a porta sguarnita; appena dopo un altro orrore del difensore parmigiano cross di Moschetti che scodella in area che appoggia a Conigliaro che non si aspetta il passaggio e conclude sul fondo; nella ripresa mister Bizzi cambia modulo e con un cambio sposta gli equilibri in campo stringendo d’assedio l’area piacentina che si rifugia ben nove volte in angolo; se non chè Spaggiari (51’) anticipa Oppedisano, evita tre difensori si accentra e dal dischetto del rigore conclude con un tiro che sorvola di poco la traversa per la disperazione del poco pubblico (parte parmigiana) presente sugli spalti; quindi Barbarini (57’) impegna Anelli in una respinta con i pugni battendo una punizione dal limite; un sussulto piacentino che poteva chiudere la gara con Mazzini che verticalizza per Spreafico che scodella in area piccola per Amatruda (75’) che di petto conclude da due passi colpendo il palo alla sinistra di Biagini; quindi un tiro d’angolo di Reverberi (81’) che impegna Anelli in una parata sulla riga di porta; ed nel finale l’errore per troppa sufficienza di Messeri Matteo che permette a Barbarini di involarsi in area, la non chiusura di Varesi che permette il cross rasoterra che Traina (90’) conclude in gol anticipando Carini e battendo l’incolpevole Anelli per il pareggio Basilicastello.

Il Carignano tra le mura amiche del Pierino Padovani regola in maniera più che netta la Viarolese con un rotondo 3 a 0; la partita inizia con Fiordelmondo che attacca la difesa ospite e liberando in maniera precisa Guida Andrea (13’) che sotto porta non ha difficoltà a superare l’incerto Mingardi per il gol del vantaggio; la reazione dei ragazzi di mister Pompini si concretizza quasi subito grazie a Dedè che impatta di testa un cross di Donati con Dessena che non si fa sorprendere con una respinta prodigiosa; prima dell’intervallo è Fiordelmondo (44’) che chiude il discorso con una punizione dai 25 metri che gonfia la rete con un tiro non irresistibile ma preciso. Nella ripresa la Viarolese approfitta della remissiva opposizione del Carignano che già pensa a mercoledì per il ritorno di coppa contro il Brescello e non spreca energie fisiche e nervose aspettando gli attacchi avversari che si infrangono sul muro eretto da Dessena e compagni; nel finale invece arriva il gol di Guida Andrea (84’) che fa doppietta con un tiro dal limite che non dà scampo a Mingardi che guarda la sfera infilarsi in gol.

Il Luzzara al Walter Compagnoni si fa superare in maniera incredibile dalla Langhiranese che dà seguito alla vittoria di mercoledì scorso su un campo difficile da espugnare. La partita inizia con la squadra ospite che interpreta meglio la gara attaccando la difesa ospite che limita il più possibile i pericoli per Fantini come infatti nel finale di tempo quando Urbano crossa in area per Bottarelli (42’) che invece di concludere a rete stoppa di petto la palla del compagno permettendo il recupero di Curini; nella ripresa i ragazzi di mister Artoni rimangono negli spogliatoi e quindi la Langhiranese capisce che può osare ed inizia a farlo con Urbano che crossa in area per Bottioni (60’) che lasciato solo davanti a Fantini non sbaglia impattando di testa in gol; appena dopo è Babboni (63’) ha provare dal limite con Fantini che in volo respinge in calcio d’angolo; a questo punto dopo lo scampato pericolo il Luzzara reagisce e prova a riprendere la gara con Saviola che crossa in area piccola per Michelini (87’) che da due passi impatta di testa spedendo in maniera incredibile sul fondo; in pieno recupero è Scappi ha prendere in mano la situazione appoggiando a Beccaria (94’) che dal limite scaglia un potente sinistro con Ferrari che in plastico volo respinge; appena dopo è ancora Scappi che libera nuovamente al tiro Beccaria (95’) che conclude nuovamente di potenza ma stavolta non inquadra per poco la porta di Ferrari che tira un grande sospiro di sollievo come tutta la panchina langhiranese.

Il Noceto in casa contro lo spacciato Real Val Baganza fa di tutto per complicarsi la vita giocando un orrendo primo tempo, con i ragazzi di mister Franzese che non demordono anche se ormai definitivamente spacciati; infatti già all’inizio di gara è Benedini (7’) che si incunea in area, evita Menta in uscita che lo ostacola regolarmente permettendo a Cabrini di spazzare evitando che l’attaccante ospita concluda in gol; nel finale di tempo nuova occasionissima ospite con Pollini che rilancia, i centrali dormono e Benedini (44’) gonfia la rete tra lo stupore generale; nella ripresa grazie all’ingresso di Beatrizzotti (2001) la partita cambia in favore della squadra di casa che stringe d’assedio l’area salese, fin quando Provenzano appoggia a Beatrizzotti (66’) che controlla, evita Marchi e spara un tiro sul palo lontano sorprendendo l’incerto Pollini per il gol del pareggio nocetano; appena dopo è Cabrini (72’) che si incunea in area con Paini che sgambetta il difensore di casa con l’arbitro che indica il penalty alla cui trasformazione si presenta Ruffini (73’) che spara sopra la traversa; nel finale è Provenzano (84’) ad avere la palla della rimonta ma spara da due passi sul fondo; quindi Ruffini calcia una punizione dal limite la palla viene intercettata dalla barriera con la sfera che giunge tra i piedi di Cabrini (86’) che da due passi non sbaglia mandando in visibilio il pubblico di casa.

Nella nona giornata di ritorno il programma prevede due big match uno per l’alta classifica con “Borgo San Donnino vs Bibbiano San Polo” ed uno per i play out “Langhiranese vs Noceto”; interessante si preannuncia la gara “Carignano vs Castellana Fontana”.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Filippo Sanacore il 26/02/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,08647 secondi